Egitto, la notizia più bella per Zaki: l’annuncio

Arriva una bellissima notizia su Patrick Zaki, lo studente egiziano, attivista per i diritti umani prigioniero in Egitto per le sue idee.

In un caso ancora non risolto perché Patrick Zaki da tre anni ormai è detenuto in prigione arriva però una buona notizia che risolleva gli animi.

patrick zaki laurea
Patrick Zaki- Facebook – riscossacristiana.it

Lo studente egiziano, nato nel 1991 a Mansoura, ha lavorato come ricercatore per l’organizzazione non governativa Egyptian initiative for personal rights e nel 2019 si è trasferito a Bologna per frequentare un Master in studi di genere.

Rientrato in Egitto dal 2020 è sotto processo per le sue opinioni politiche che aveva espresso sui social.

Dopo due anni di detenzione preventiva, a fine 2021 è stato scarcerato ma per una serie di rinvii il procedimento non si è ancora concluso.

Il prossimo 18 luglio ci sarà una nuova udienza. Nel frattempo il ragazzo ha continuato a studiare, ha completato la tesi di laurea e aveva chiesto alle autorità egiziane di poter tornare a Bologna per conseguire il titolo di studio, ma non gli è stato concesso di lasciare il Paese.

La discussione della tesi comunque c’è stata, in collegamento video, e finalmente Zaki ha potuto raggiungere questo importante obiettivo.

La gioia di Zaki: un grande traguardo raggiunto

In collegamento con l‘Università Alma Mater di Bologna Patrik Zaki si è laureato ottenendo  la laurea magistrale in letterature moderne comparate post coloniali curriculum Gemma.

patrick zaki laurea
Patrick Zak in collegamento video alla laurea – Facebook – riscossacristiana.it

La tesi è stata fatta su giornalismo, media e impegno pubblico e lo studente ha ottenuto una valutazione di 110 e lode. 

Chiaramente emozionato in video collegamento Zaki ha ringraziato tutti e ha fatto alcune dichiarazioni degne di nota.

Lo studio mi ha aiutato a resistere. Sono fortunato a essere uno studente dell’Universita’ di Bologna, ringrazio le istituzioni e anche la citta’, la stampa e tutti coloro che mi sono stati vicino e spero presto di essere a Bologna con voi. Nelson Mandela una volta ha detto che tutto e’ impossibile finche’ non viene fatto, questa frase si avvicina molto al mio caso“, ha raccontato a commento dell’evento.

Il rettore Giovanni Molari ha espresso la sua speranza di riabbracciare presto il giovane attivista. Ha voluto sottolineare come sia stato un percorso duro e difficile, ma si è potuto avere finalmente un giorno di festa con l’auspicio di una festa ulteriore quando il ragazzo potrà ritornare all’Università che ha frequentato.

Il portavoce di Amnesty International Italia, Riccardo Noury, presente nell’ateneo al momento della discussione della tesi, ha commentato esprimendo i suoi sentimenti per una situazione terribile e assurda.

patrick zaki laurea
La richiesta di libertà per Patrick Zaki in passato – Facebook – riscossacristiana.it

Anche il divieto di espatriare fa parte di una persecuzione giudiziaria che va avanti da oltre 3 anni e mezzo e che ha definito come un percorso a ostacoli che Patrick supera uno alla volta dimostrando grande forza.