di Marco Tosatti

.

 

Siamo stati appena testimoni dello spettacolo di fede creato da centinaia di migliaia di polacchi – e di altri cristiani, in tutto il mondo – che hanno recitato il rosario ieri in centinaia di chiese della Polonia. Forse non siamo stati i soli a stupirci che un evento di devozione popolare così imponente non abbia trovato nessun eco nelle parole del Pontefice all’Angelus. Che ha salutato sì i polacchi, ma ha citato la “Giornata del Papa” celebrata oggi in Polonia e non l’appello alla pace fatto pregando ieri. Distrazioni.

Nel frattempo si avvicina il 13 ottobre, centenario dell’ultima apparizione della Vergine ai tre pastorelli. E’ una ricorrenza che verrà celebrata in tutto il mondo, e in moltissime chiese e santuari mariani. Appare abbastanza naturale onorare questo giorno con la preghiera legata strettamente alla Vergine da molti secoli, e cioè il rosario.

Fra queste iniziative ricordiamo – ci è stata ricordata esplicitamente – quella promossa dall’AIASM (Associazione Italiana Accompagnatori Santuari Mariani).

“Anche in Italia “Un muro di persone reciterà il Rosario (e digiunerà) su tutto il territorio della nostra Nazione”. AIASM (Associazione Italiana Accompagnatori Santuari Mariani) seguendo gli insegnamenti di Maria e seguendo il bellissimo esempio dei fratelli polacchi, il 13 ottobre alle ore 17.30 indice la più potente iniziativa per la pace: ‘il digiuno e la preghiera del Santo Rosario. Su tutto il territorio Nazionale ogni uomo/donna di buona volontà si rechi quindi nella propria Parrocchia e/o crei gruppi di preghiera con la stessa intenzione dei fratelli Polacchi: ‘Chiedere alla Madonna di salvare l’Italia e l’Europa dal nichilismo islamista e dal rinnegamento della fede cristiana’. La Recita del Rosario comincerà alle ore 17.30, il digiuno a pane ed acqua (come chiede Maria) tutto il giorno… Chi non può digiunare ricordi che può fare rinunce”.

Il Santuario di Fatima, in Portogallo, però ha fatto una scelta diversa. Invece della consueta recita del Rosario, alle 18.30, si avrà un concerto, uno spettacolo di suoni e luci, come potete vedere dalla fotografia ripresa dal sito del Santuario.

Ecco il programma:

“Sviluppandosi a partire dall’esperienza di preghiera che migliaia di pellegrini vivranno nel piazzale di Preghiera del Santuario di Fatima, nella notte del 12 ottobre 2017, la facciata della Basilica di Nostra Signora del Rosario di Fatima s’illuminerà di una luce speciale che trasformerà in un racconto evocativo del significato di Fatima nel corso di 100 anni. Attraverso una presentazione audiovisuale innovativa, grazie all’uso della proiezione di immagini in video mapping 3D, di fronte agli occhi dei pellegrini scorrerà la memoria dei momenti storici e spirituali più importanti legati al Messaggio che la Vergine Maria, rivestita della luce di Dio, ha trasmesso nella Cova da Iria. Utilizzando lo spettro della luce e con il titolo Fatima – Tempo di Luce, la rappresentazione condurrà il pellegrino nell’esperienza intima, di raccoglimento e di contemplazione estetica e di preghiera. Sei scene, dai titoli “Maria mostra la luce di Dio”, “Il trionfo del Cuore Immacolato”, “Celebrando la Fede”, “I cammini di Fatima”, “Un futuro di Pace”, “Fatima tempo di Luce” e “Il Raccoglimento”, daranno corpo ad una produzione audiovisiva che proietterà la luce di Fatima nel cuore di ogni credente, affinché, attraverso il Cuore di Maria, il cuore umano si avvicini ancora di più al Cuore di Dio”.

Questo il 12 ottobre. Invece il 13 ottobre avremo:

“Coro e Orchestra Gulbenkian | direzione di Joana Carneiro. Prima mondiale delle opere dei compositori James MacMillan e Eurico Carrapatoso commissionate dal Santuario di Fatima per la celebrazione del Centenario delle Apparizioni. Integrato nella cerimonia di chiusura della celebrazione delle Apparizioni di Fatima, questo singolare concerto, realizzato dall’Orchestra e dal Coro Gulbenkian e diretto da Joana Carneiro, presenta nella sua realizzazione, fra altre, opere commissionate dal Santuario di Fatima ai compositori James MacMillan e Eurico Carrapatoso”. 

Certamente bello ed istruttivo. Ma perché farlo in sostituzione del rosario, e non, per esempio, in aggiunta? Dopo la preghiera certamente lo spirito dei pellegrini sarebbe più pronto a cogliere la bellezza delle note.

.

fonte: Sito dell’Autore

Share →

21 Responses to A Fatima il 13 ottobre un concerto sostituirà il Rosario. Appelli a pregare in tutta Italia sull’esempio della Polonia – di Marco Tosatti

  1. Catholicus ha detto:

    Come meravigliarsi, dopo lo spettacolo blasfemo proiettato sulla facciata della basilica di San Pietro l’8 dicembre, solennità dell’Immacolata Concezione ? e come non ricordare che, quando la statua della Madonna di Fatima è giunta a Roma, nel santuario del Divin Amore, anche lì hanno fatto uno spettacolo musicale : il bello, anzi il brutto, è che una famiglia che recitava il Rosario in un angolo della basilica è stata ammonita da un prete dicendo che disturbava lo spettacolo ! Infine, se è vero quanto si legge nei siti cattolici, quando Putin è venuto a Roma, durante l’incontro con Papa Francesco gli ha chiesto la consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria SS.ma, al che Bergoglio ha risposto che non se ne parlava neppure. Il cardinal Ravasi, presente all’incontro, sembra abbia esclamato “distruggeremo Fatima!” : è mai possibile? roba da non credere, ma si sa, Ravasi è quello che sostiene l’esistenza di un Cristo della Storia (l’unico reale) e di un Cristo della Fede, al quale solo sarebbero da attribuire i miracoli, la Resurrezione l’Ascensione, considerati…

  2. Catholicus ha detto:

    dal porporato solamente dei miti costruiti dai primi discepoli per fare proselitismo; ha, che brutta parola il proselitismo coercitivo, cioè l’evangelizzazione di tutte le genti, richiesta da NSGC ai suoi apostoli!. Inoltre Ravasi ha scritto quella lettera pubblica di riconciliazione con la Massoneria, chiamandoli “cari fratelli massoni” . Preghiamola noi, la Madonna di Fatima, con il S. Rosario quotidiano, in riparazione di tante offese recateLe dai ministri del Suo Divin Figlio. Dai modernisti liberaci, o Madre ! L J C

    • Tonietta ha detto:

      Caro Catholicus, allibisco di fronte a quanto lei scrive riguardo alla richiesta di Putin e alle parole di Ravasi. Se ciò fosse vero, sarebbe uno scandalo immenso e un oltraggio incommensurabile nei confronti della Madonna e del Verbo Incarnato dei quali, praticamente, si viene a negare tutto. È vero che da Ravasi e dall’altro personaggio ci si può aspettare di tutto, ma davvero, quanto ho letto mi lascia rabbrividita e costernata.

    • Alessandro2 ha detto:

      Ricordo che il buon (si fa per dire) futuro Cardinale Ravasi mi metteva il prurito alle mani e il latte alle ginocchia fin dalle prime apparizioni, super-patinate e piene di vuoto, la domenica su Canale 5. Scusate la brutalità, ma io dico: che vada al diavolo anche lui.

  3. G. Gervasi ha detto:

    Purtroppo il bergoglismo fá anche nei luoghi piú sacri le sue vittime. Non si puó certo dire che il Rettore del Santuario di Fatima e il di lui vescovo siano dei candelabri splendenti di pietá e di spiritualitá mariana che illuminano il mondo cristiano.
    Come se ci fosse bisogno di attrarre migliaia di persone a Fatima con l’offerta di un “event” luci & colori e con l’esca di artisti popolari nell’arte di massa!!!!
    Come se la recita del rosario in un giorno cosí fausto avesse svuotato la piazza antistante la basilica per mancanza di pellegrini.
    Che mondo rovesciato! E sono di nuovo i “chierici traditori” a (s)guidare i fedeli nelle fauci aperte del mondanismo che stá ingoiando la chiesa.

  4. Ivan ha detto:

    Assolutamente d’accordo con le domande logiche, legittime e più che ponderate con cui questo articolo si conclude. Sono costernato da questo oltraggio sprezzante nei confronti della Vergine!!

  5. Piso ha detto:

    Speriamo non proiettino scimmie e bestie varie…

  6. adriana dasiena ha detto:

    Perché non si può organizzare una marcia in Italia come hanno fatto in Polonia? Oppure una processione con recita del Santo Rosario per le strade della propria città/paese invece di gruppi chiusi in parrocchia o in casa ? Per far vedere al mondo quanto si ama la Madonna. Ad Jesum per Mariam!

  7. bbruno ha detto:

    Ma il Figlio di Maria Santissima per quanto tempo sopporterà ancora le prese in giro di Sua Madre da parte di poveracci creduti papi che ora si permettono di disattendere le disposizioni di Maria quanto alla rivelazione del suo Messaggio e la chiamano donna di sventure, ora si rifiutano sprezzantemente di ascoltare la Veggente delle apparizioni, ora si attribuiscono arrogantemente la parte della vittima profetizzata, ora spudoratamente ci dicono che non c’ è più nessun segreto da svelare, e nessun castigo incombente, ora vanno sul luogo stesso delle Apparizioni a sbugiardarLa insolentemente per tutto quello che ha detto ? E ora che meravigliia è che invece del Rosario a Fatima si organizzi il concerto delle mille prese in giro a Maria Santissima?

    • Albino Mettifogo ha detto:

      La Vergine Maria ha già detto che il braccio di Suo Figlio é ormai troppo pesante e non riesce più a trattenerlo. A volte penso che dovremmo implorare la nostra Madre Celeste di lasciare finalmente mano libera a Gesù. Ormai non se ne può proprio più di questa religione neopagana che ancora in parte si nasconde dietro i riti della Santa Chiesa Cattolica. Mi auguro anch’ io che domani, 13 ottobre, termini il tempo della Misericordia e cominci il tempo della Giustizia, pur sapendo che, probabilmente, la scure cadrà anche su di me.
      Albino

  8. Enrico ha detto:

    Quello dei “concerti” è un trucco modernista per creare un’amalgama impossibile fra credenti e non credenti. Vedi per esempio quelli che da anni hanno luogo nella Basilica di Assisi. Il Rosario è troppo specifico, troppo cattolico, troppo esclusivo, si potrebbe dire: non è “accogliente”. Oggi se non fai “accoglienza” sei fuori del giro.

  9. antonio ascione ha detto:

    dalle mie parti si usa dire..”abbiate paura degli uomini di chiesa e delle femmine di parrocchia”

  10. Stefano ha detto:

    E’ evidente il tentativo di chiudere al più presto la “questione” Fatima le apparizioni e i messaggi di Maria Santissima, umanamente sembra un’obbiettivo raggiunto, resta aperta e ancora da compiersi la promessa della Madonna ai veggenti: “Alla fine il mio Cuore Immacolato Trionferà”. Ma chi a parte noi “piccolo gregge” fra le alte gerarchie crede al sicuro compimento di questa grande profezia? Chi oggi crede realmente nella presenza reale in Corpo Anima e Divinità di Gesù Cristo nell’Ostia consacrata dalle mani del Sacerdote? Magari neanche il Sacerdote stesso……..Ĺucia confidò al compianto Cardinale Caffarra che l’attacco finale di Satana avrebbe avuto come bersaglio la famiglia e l’Eucarestia.

  11. Catholicus ha detto:

    A proposito di attacco alla famiglia ed ai valori del matrimonio cattolico :
    : ieri mattina mi trovavo in un importante santuario mariano del centro Italia, quando vedo il Vescovo locale che stava facendo un’omelia sul matrimonio a due giovani che stavano per sposarsi (la sposina aveva in braccio una figlia di 4-5 anni). Il Vescovo è partito subito dicendo che l’unione tra due giovani, anche se non passano dal municipio o dalla chiesa, è già di per sé un matrimonio, e vedasi bene, “un matrimonio santo”. Se poi interviene la cerimonia religiosa, ancora meglio, diceva, il vincolo si rafforza e gli sposi possono superare le prove della vita che potrebbero altrimenti minacciare o distruggere la loro unione. Ma il bello, o il brutto, è stata l’assenza di ogni accenno al fatto che due che vanno a letto senza essere spostati non sono in peccato mortale (stravolgimento della retta dottrina cattolica bimillenaria), nossignori, sono “santi sposi”, cioè hanno dato vita ad un “matrimonio santo”, parola di Vescovo. Cosa dire in proposito? non si parla più di peccato, di colpa, di…

  12. Catholicus ha detto:

    … giustizia divina, di rischio di finire all’inferno, solo piaggeria al mondo ed ai suoi valori non cristiani, al paganesimo, all’indifferenza religiosa. E poi i fissati integralisti sarebbero i cattolici tradizionalisti? e questo cos’è se non fanatico integralismo progressista? Povera Chiesa, povero gregge di Cristo !

  13. normanno Malaguti ha detto:

    Non ci sono parole! restano soltanto lacrime e angoscia per la Giustizia di Dio che, prima o poi, farà il Suo Corso.

  14. caterina ha detto:

    Oggi è veramente una giornata cruciale per l’umanità.
    Anche io credo che sia il confine tra l’orrore e la Giustizia divina imminente. L’immensa preghiera che salirà oggi al Cielo sarà direttamente presa dalle mani della Madonna. Immagino che Ella, per accoglierla, lascerà il braccio di suo Figlio per un attimo…. Sì, mi piace immaginare che sia l’inizio della giustizia…. So, da peccatrice e non da santa, che io non ne sarò esentata, ma è mille volte meglio la giusta punizione di Dio che questa Babilonia!!
    Preghiamo con ardore come Gesu ci chiede. Uniti.

  15. Catholicus ha detto:

    Appena concluso il Santo Rosario del Centenario di Fatima (per la restaurazione della Chiesa Cattolica, oggi occupata da una banda d di impostori e malfattori); questa sì che è stata una celebrazione cattolica, mica l’intercomunione di Bergoglio con i seguaci di Martin Lutero, oppure con i maomettani, gli ebrei della Torah, gli indù, gli zoroastriani, gli animisti, ecc. Christus Vincit, Regnat, Christus Regnat, Christus Imperat !

  16. giulia2 ha detto:

    I malvagi sono forti per la debolezza dei buoni. Il male è sempre vigile e si dà da fare giorno e notte mentre i buoni, i giusti, i prediletti da Dio, sono nell’inerzia. SIamo sempre qui noi a piangere disperati ma quando ci daremo una mossa e usciremo a proclamare la nostra fede in GCNS e nella Vergine Maria, come hanno fatto i polacchi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili

A Fatima il 13 ottobre un concerto sostituirà il Rosario. Appelli a pregare in tutta Italia sull’esempio della Polonia – di Marco Tosatti