Notre-Dame brucia. Ma le cattedrali sono già morte – Trenta righe di Alessandro Gnocchi

“Supponiamo per un istante che la religione cattolica sia spenta da secoli, che le tradizioni del suo culto siano perdute” recitava l’incipit di un articolo firmato da Marcel Proust per “Le Figaro” del 16 agosto 1904. Si intitolava “La morte delle cattedrali” quello scritto inquietante e sublime che opponeva le ragioni dell’anima agli effetti della legge […]

Bergoglio e il Padrone dell’Anello – Trenta righe di Alessandro Gnocchi

I commenti che i lettori inviano quotidianamente a un sito come questo appartengono normalmente a due categorie: pubblicabili e impubblicabili, sia che apprezzino sia che critichino articoli,  articolisti e personaggi citati. Si tratta di due categorie che potremmo definire “naturali”, assolutamente fisiologiche nella vita di un giornale. Poi ce n’è una terza, in decisa e […]

Figli di un cialtrone minore – Trenta righe di Alessandro Gnocchi

    Vivo nella profonda provincia bergamasca, a due passi da Sotto il Monte Giovanni XXIII. Nessuno è perfetto, ma il punto non è questo. Il fatto è che, arrivato alla soglia dei sessant’anni, un povero cristiano può permettersi legittimamente di praticare il passatempo che tanti cattolici tradizionalisti si concedono seriosamente già da ventenni, ricordare […]

Reverendi sacerdoti, ci spiegate perché la chiesa dovrebbero salvarla i laici? – Trenta righe di Alessandro Gnocchi

In questo periodo ho ricevuto parecchie lettere che mi chiedono di essere più presente su Riscossa Cristiana, “specialmente”, dicono alcuni lettori, “con le Trenta righe settimanali”. Non sto a raccontare ancora una volta i fatti miei, ma devo confessare che ho deciso di riprendere subito la rubrica quando don Maurizio D. ha concluso la sua affettuosa […]

Fare il teologo è sempre meglio che lavorare – di Alessandro Gnocchi

In realtà, il mestiere di cui si dice che sarebbe “sempre meglio che lavorare” è quello del giornalista. Non è più così vero come una volta, ma qualche fondato motivo la vox populi se lo porta pur sempre nella pancia. Lo devo onestamente ammettere dopo lunghi anni trascorsi sul marciapiede della professione, tessera dell’Ordine numero […]

TRENTA RIGHE. Ma Bergoglio è il papa o la nuova Lorella Cuccarini? – di Alessandro Gnocchi

Ci perdoni Lorella Cuccarini, ma qui viene intesa solo come esemplificazione del concetto di “più amato dagli italiani”, perché di persona non ha nulla a che fare con la materia in questione. Comunque, sarà ben fatta cosa partire dalla notizia, che è la seguente: lunedì scorso “The Vatican House Organ”, volgarmente detto “Repubblica”, ha annunciato […]

TRENTA RIGHE. Quegli “utili idioti” così utili a Bergoglio – di Alessandro Gnocchi

Pare che nessuno sia riuscito a trovare il testo di riferimento, ma i cultori della materia concordano nell’attribuire il conio del concetto di “utile idiota” a Владимир Ильич Ульянов, politico russo più conosciuto con la traslitterazione occidentale di Vladimir Il’ič Ul’janov e addirittura celeberrimo con lo pseudonimo di Lenin. Secondo Владимир Ильич Ульянов, che poi […]

TRENTA RIGHE FUORI MODA – rubrica settimanale di Alessandro Gnocchi

In un giornale, “trenta righe”, sono come un sigaro toscano e una medaglia di cavaliere: non si negano a nessuno. Sono perfette per i primi balbettii di un praticante, per i funambolismi del vecchio cronista, per l’elzeviro del professore un po’ dandy e per l’editoriale del direttore. Dunque bastano anche a noi per dare un […]

TRENTA RIGHE FUORI MODA – rubrica settimanale di Alessandro Gnocchi

Con la sospensione del processo a Marco Cappato si formula una nuova avvincente ipotesi: il suicidio è un diritto garantito dalla Costituzione se la decisione di suicidarsi è stata presa lucidamente e consapevolmente in totale autonomia e libertà. Miracoli del radicalismo, che ruba la morte ai ricchi per darla ai poveri. . In un giornale, […]

sabato 17 febbraio, a Colombaro di Formigine (MO), “Un pomeriggio con Guareschi”

Un pomeriggio con Giovannino Guareschi, sabato 17 febbraio, a Colombaro di Formigine . Cari amici, permettetemi di usare queste trenta righe per invitarvi a un pomeriggio con Giovannino Guareschi, uno dei pochi amici di cui ci possiamo ancora fidare. La mia indole un po’ operaia e un po’ contadina mi inibisce l’uso degli orari cittadini, […]