di Francesco Perboni

.

.

Ken Ham, presidente di Answers in Genesis (Risposte in Genesi), una delle più grandi associazioni mondiali di scienziati creazionisti, ha affrontato in un dibattito, per la seconda volta, Bill Nye, conosciuto sul web come “the science guy” (l’uomo della scienza), uno dei più famosi scienziati impegnati nella difesa dell’evoluzionismo. Il dibattito, in inglese, è molto educativo. Bill Nye viene spesso messo all’angolo e portato alla contraddizione e, come sempre, i creazionisti sono più sereni e più educati.

Per il video del dibattito, clicca qui

 

.
Il confronto si svolge all’interno del museo creazionista di Ken Ham: Ark Encounter, un museo costruito esattamente con la struttura e le dimensioni dell’Arca di Noè, come descritta dalla Bibbia. La struttura si trova a Grant County, nel Kentucky ed ha aperto il 7 Luglio 2016.

L’edificio è stato costruito appositamente in questo modo per mostrare che sarebbe stato possibile, viste le grandi dimensioni, ospitare nell’arca un gran numero di animali e provviste per tutto il tempo necessario, indicato dal testo Biblico.

      

.

Gli argomenti trattati nell’arco del dibattito spaziano dalle ere glaciali alla datazione radiometrica, dalla possibilità dell’esistenza del diluvio e dell’arca stessa, nelle sue dimensioni, al calcolo dell’età degli alberi tramite il conto degli anelli prodotti ogni anno, dalla geologia allo studio dei fossili, da problemi morali sull’esistenza del bene e del male, nell’educazione dei giovani, al senso della vita, se la morte ha l’ultima parola. Il problema principale, che continuamente riemerge, è la presunzione da parte della prospettiva evoluzionistica di poter assurgersi a giudice di cosa sia scientifico e cosa no, escludendo a priori l’elemento sovrannaturale dalla storia del mondo. Il naturalismo è una cieca assunzione diffusasi negli anni dell’Illuminismo, come da noi illustrato in questo breve articolo esplicativo, che prevede l’esclusione a priori di tutto ciò che è soprannaturale dall’ambito veritativo, scientifico e storico.

A partire da questa visione del mondo, senza nemmeno prendere in considerazione la possibilità che qualcosa di soprannaturale sia avvenuto nella storia del cosmo, se mai questa fosse la verità, gli scienziati non potrebbero scoprirla in nessun modo. Questa presa di posizione conduce ad interpretare i dati, oggettivamente riscontrabili nel presente, secondo l’uniformitarianismo, ovvero la tesi che sostiene che i fenomeni osservabili sulla Terra sono sempre accaduti nello stesso modo riscontrato da noi oggi, fin dall’inizio della creazione (come aveva predetto S. Pietro in 2 Pietro 3, 3-4), rifiutando, per un preconcetto, l’esistenza del diluvio universale e delle conseguenze naturali che questa catastrofe ha prodotto, salvo non saper spiegare, poi, l’estinzione dei dinosauri, se non ricorrendo ad una catastrofe di simile portata, ignorandone completamente gli effetti.

Un avvertimento importante è che la maggior parte degli scienziati creazionisti, come Ken Ham, sono protestanti; si deve quindi fare attenzione a non accettare immediatamente le loro affermazioni teologiche, ma raffrontarle sempre con il Magistero della Chiesa Cattolica. Il loro lavoro scientifico è, tuttavia, molto valido e importante. Come diceva S. Tommaso: tutta la verità viene da Dio, ovunque essa si trovi.

Share →

3 Responses to Creazione contro Evoluzione dentro l’arca di Noè  –  di Francesco Perboni

  1. Maria Teresa ha detto:

    Eh già! Piacerebbe a lor-signori trovare l’anello di congiunzione tra uomo e scimmia…… Piacerebbe! Così potrebbero asserire che non esiste nessun Creatore e che tutto ha avuto origine dalla brodaglia informe del big bang (che detti signori scrivono Big Bang con tanto di maiuscole….. Nota Bene). Piacerebbe…..
    Ebbene, a meno che non se lo costruiscano in laboratorio di sana pianta, non lo troveranno MAI.

    • Francesco ha detto:

      Nel dibattito Bill Nye dice che troverà sicuramente le prove che siamo discendenti dai marziani… e pi asserisce che è assurdo credere ad Adamo ed Eva… siamo all’impazzimento globale…

  2. Giacomo ha detto:

    È molto triste veder combattere molto più i protestanti che noi cattolici nella battaglia per difendere la Verità di Dio creatore…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili

Creazione contro Evoluzione dentro l’arca di Noè  –  di Francesco Perboni