Il Signore abbia pietà di te, figlio prediletto di questo occidente sazio e disperato, che nella tua agenda non hai trovato un rigo libero per fermarti davanti all’omicidio di un bambino indifeso. Non dico per provare dolore, per versare una lacrima, per imprecare contro il boia che ormai si è tolto il cappuccio perché la morte non abbia più nulla di sacro, meno ancora di santo, e sia rivestita della stessa banalità del male. Ma almeno per cinque minuti di commozione, visto come ti intenerisci davanti alla balenottera arenata sulla spiaggia, alla foca con la testa spaccata, al gabbiano inzuppato di petrolio, sempre gli stessi, che questo occidente sazio e disperato fa apparire sullo schermo magico del tuo smartphone quando vuole la tua attenzione, il tuo consenso per saziarti della sua disperazione mascherata da benessere.

Invece, non hai neppure finto di commuoverti perché Alfie, il bambino ucciso dal boia a viso scoperto, non può essere tuo figlio. I tuoi figli sono belli, intelligenti e di successo, frequentano i master negli States, studiano solo in inglese, parlano solo in inglese, mangiano e defecano solo in inglese e diventeranno manager di aziende dove si pensa solo in inglese. Non possono essere malati, i tuoi figli, non possono avere un ritardo mentale, non possono essere così indifesi da soccombere nella giungla darwiniana che è questo occidente sazio e disperato. Quel bambino steso in un letto in attesa del boia poteva essere solo figlio di due operai che, pur essendo inglesi, non sapranno mai parlare e soprattutto pensare in inglese così bene come i tuoi figli confezionati su misura dal college e dal master dove sono in lista d’attesa per diventare classe dirigente.

Non ti commuovi per un corpo malato e un’anima santa reclusi in ospedale perché i tuoi figli non possono morire come cani in un ospedale. Se muoiono, i tuoi figli muoiono uccisi dentro alla bolgia infernale di un qualsiasi Bataclan di una qualsiasi capitale del vecchio o del nuovo continente, dove la meglio gioventù di questo occidente sazio e disperato invoca il demonio cantando e ballando in suo nome e in suo onore. Se muoiono, i tuoi figli muoiono di ritorno dai bordelli camuffati da discoteche alla moda, correndo a duecento all’ora sulle macchine che tu gli hai comprato perché corrano più forte di quanto correvi tu alla loro età. Se muoiono, i tuoi figli muoiono sfigurati dall’alcol, dalla coca o dall’ultima sniffata chimica comprati con i soldi che tu gli passi per conto di questo occidente sazio e disperato. Se muoiono i tuoi figli, allora sì, piangi. Ma piangi solo perché non capisci. I tuoi figli avevano tutto, meritavano ancora di più, non potevano, non dovevano finire così. Non dovevano morire. Alfie invece sì, perché Alfie non può essere tuo figlio e di lui non te ne frega niente. E magari la domenica vai a messa. Ma vai a una messa senza Croce e, in fondo, non è colpa tua. L’hanno rimossa perché non serve più, neppure per spiegare ipocritamente la sofferenza degli altri. Non può esserci sofferenza in questo occidente sazio e disperato che finalmente ha trovato una chiesa ancora più sazia e disperata che non ha altari per i piccoli martiri come Alfie.

E il Signore abbia pietà di te, chierico sacrilego, che hai tolto dalla tua chiesa la Croce ai piedi della quale dovresti deporre i corpi dei Santi e venerarli come reliquie dell’amore di Dio e della sua sofferenza per la redenzione degli uomini. Ma tu non sai cosa fartene della santità perché non credi nella vita eterna e hai persino orrore della resurrezione. Non capisci come possano essere predilette dal Signore quelle carni malate e inutili delle quali i tuoi confratelli in camice bianco non sanno cosa fare. La tua chiesa atea, che ha contratto la stessa mortale disperazione del mondo, non ha più voglia di credere alla storiella dell’anima e del suo destino eterno. Dunque, non si occupa neppure del suo involucro, lo accompagna, nel suo maggior interesse, fino al patibolo dove il boia esegue la sentenza che le pare così pietosa da sembrare persino razionale, da apparire così ragionevole che bisogna pure trovare una spiegazione da dare in pasto al popolo.

E non è detto che tu sia necessariamente un prete o un vescovo di strada. Puoi anche portare la talare e celebrare in latino rivestito di paramenti carichi d’oro e di preziosi costati la fatica e i risparmi di generazioni che onoravano con i loro sacrifici una fede che tu non hai più. E, se sei un vescovo, esibisci volentieri il tuo anello sopra il guanto bianco e la mitra gemmata e il pastorale istoriato. Ma poi, dopo il pontificale di sapore antico, predichi in totale aura moderna che i carnefici di Alfie stanno agendo per il bene suo e di tutti gli altri Alfie che verranno.

Nel tuo gregge non c’è posto e non c’è pietà per le pecorelle zoppe. Non è più tempo di pastori che tornano lungo il loro cammino a cercare la pecora smarrita e se la caricano sulle spalle per salvarla e proteggerla. La tua chiesa sazia, disperata e atea vuole pecorelle perfette, così come questo occidente sazio, disperato e senza fede vuole figli perfetti. Le tue pecorelle parlano di miseria ma hanno schifo dei miseri, parlano di povertà ma fuggono i poveri, si inebriano degli incensi e dei discorsi sull’adorazione ma non pregano e non adorano. Si inginocchiano davanti al vitello d’oro al cospetto del quale le hai condotte tu stesso. Le tue pecorelle non peccano e, se peccano, peccano contro il mondo.

Nella tua chiesa sazia, disperata e atea non si curano le ferite dell’anima, figuriamoci quelle del corpo. È stato abolito il peccato, figuriamoci la malattia. E non è una questione di dottrina, è una questione di fede. Altrimenti tu, chierico sacrilego che fai il conservatore e persino il tradizionalista, avresti almeno detto che la vita di Alfie è nelle sole mani del Signore che l’ha creata. Invece, quando non hai dato ragione a chi teorizza l’assassinio dei malati indifesi, non hai fatto niente per difendere una piccola vittima dal carnefice. Qui non si trattava di andare a convegno con qualche dubbio sull’interpretazione di Amoris Laetitia, qui bisognava caricarsi sulle spalle una vita innocente e sottrarla ai lupi. Ma la tua chiesa sazia, disperata e atea ha solo pastori che fuggono davanti ai lupi, quando non si spartiscono il gregge col branco famelico attratto dall’odore del sangue.

E il Signore abbia pietà di te, pastore dei pastori, che il giorno dopo la morte del piccolo martire non hai alzato in pubblico una sola preghiera, neanche un amen. Come un qualsiasi figlio di questo occidente sazio, disperato e senza fede, nella scaletta del Regina Coeli non hai trovato un rigo per la commozione di rito. Quel silenzio feroce ed eloquente ha detto tutto quello che si doveva dire sui balletti messi in scena ad uso dei gonzi negli ultimi giorni di Alfie, quando ormai, ci hanno detto, “umanamente” non c’era più nulla da fare.

Quell’”umanamente” fa orrore e grida vendetta, perché è il baluardo dietro cui ti proteggono tutti, ma proprio tutti coloro che vogliono ancora costringersi ad applaudire uno spettacolo in cui il pastore dei pastori può avere qualche macchia, ma è sempre il pastore dei pastori. E come si può imputare indifferenza al pastore dei pastori se, a pochi giorni dalla morte di Alfie, cresima una bambina gravemente disabile? Non vedete come è buono? Le grancasse di regime ci dicono che per Alfie hai fatto “umanamente” tutto: due tweet, una pacca sulle spalle e il fantomatico lavorìo di una diplomazia che ha solo trattato la resa. Come è umano, troppo umano, quell’”umanamente” che, anche se nessuno lo vuole intendere, è segno della fede nell’uomo sostituita alla fede in Dio. Ma dove non c’è fede in Dio non ci sono miracoli. Non c’è stato miracolo che salvasse Alfie.

La chiesa sazia, disperata e atea voleva tutto, tranne il miracolo. I miracoli danno fastidio alla gente per bene, persino ai fedeli perbene, figuriamoci ai fedeli di una chiesa che non crede in Dio. I miracoli contraddicono il volere della terra e sconvolgono le leggi di natura da cui le brave persone traggono conforto, i miracoli se ne fregano degli ordinamenti giudiziari che rasserenano i cultori della legalità, i miracoli mettono a soqquadro la quiete in cui deve lavorare la diplomazia nell’ossequioso rispetto dei baciapile e dei baciapantofole. Lazzaro esce dal sepolcro in cui stava da tre giorni, il figlio della vedova di Nain risorge da morte, il cieco nato torna vedere nel giorno di sabato e tutto questo dà così fastidio ai sacerdoti perbene e ai potenti perbene che Chi lo ha operato viene messo in Croce: e in quel giorno Erode e Pilato divennero amici. Uccidendo il Corpo di Cristo pensavano di averne ucciso lo Spirito, ma non sapevano di aver contribuito a erigerne il tempio imperituro dove i miracoli possono sempre avvenire perché gli uomini che vi stanno dentro professano la vera fede.

Ma, appunto, bisogna abitare nel Corpo di Cristo per credere nei miracoli e vederli compiere. Chi ti ha portato il padre di Alfie nel tentativo estremo di darti una ribalta che avevi sempre evitato con i tuoi feroci silenzi ha sbagliato tempio. Il tuo tempio è quello in cui le borse di cuoio sdrucite e le croci pettorali di ferro artatamente virili convivono volentieri con la froceria andata in scena a New York nella promiscuità dei principi di Hollywood e dei principi della chiesa. Il tuo tempio, sono parole tue di queste ore, è quello in cui “occorre impegnarsi non solo per l’incontro tra le persone, le culture e i popoli e per un’alleanza tra le civiltà, ma per vincere tutti insieme la sfida epocale di costruire una cultura condivisa dell’incontro e un civiltà globale dell’alleanza. Come un arcobaleno di colori in cui si dispiega a ventaglio la luce bianca dell’amore di Dio!”. Il tuo tempio, così ben illuminato da questo abbaglio iridato e mortale, in realtà è il luogo del Potere, dove non c’è scampo per l’innocente se non conviene che l’innocente venga salvato. Ed è vano e persino ridicolo il pietoso tentativo di contrapporre la “cattiva chiesa inglese” che nulla ha fatto per Alfie alla “buona chiesa romana” che tanto si sarebbe prodigata attraverso i suoi legati e attraverso i suoi medici, ma, “umanamente”, non poteva sperare di più. Ma la speranza, che è una virtù teologale, non ha nulla di umano.

E il Signore abbia pietà anche di te, cattolico perbene, che la domenica vai alla Messa in latino, tutti i giorni reciti il Rosario, spacchi in quattro il capello della dottrina, conosci a memoria il catechismo, naturalmente di San Pio X, nel cervello hai un emisfero riservato esclusivamente al compendio della Summa, ma non hai detto una parola e non hai compiuto un gesto mentre si consumava l’omicidio di Alfie. Perché anche a te, come al figlio prediletto dell’occidente sazio e disperato, non te ne fregava niente di un bambino da buttare. Tanto sarebbe morto comunque e tanto gli inglesi non avrebbero ceduto. Anzi, ti facevano persino un po’ ribrezzo gli straccioni che si sono messi in piazza San Pietro a chiedere l’intercessione per un bambino avviato al patibolo. Magari hai anche sussurrato alle orecchie giuste che così non si fa, che non si mette in difficoltà la diplomazia vaticana una volta avviata la macchina, che il Santo Padre avrebbe fatto tutto quello che era “umanamente” possibile.

Bisogna dirlo, il povero Alfie, da vivo, è stato proprio importuno con quel suo non voler morire neanche se lo ammazzavano. Ora che tutto è compiuto, invece, è un’altra cosa. Ora spieghi come e qualmente dottrina e diritto non possono accettare simili fatti. Sei perfetto in teoria. In teoria, appunto, ma non hai né carne né sangue. Se ti trovassi un altro Alfie tra le braccia non sapresti cosa fare, non vedresti un bambino che ha bisogno di una carezza, di un bacio, di un abbraccio, ma solo un caso di scuola su cui dissertare a giochi finiti, quando il nemico ha vinto e non ha più paura perché nessuno può più dire pubblicamente “No”. L’accademia non si è mai opposta al potere.

Sei fratello gemello del progressista che organizza efficienti ponti aerei per mandare i soccorsi alla gente che muore di fame all’altro capo del mondo perché così vuole la sua ideologia, ma a lui non gliene importa niente. Tu sei solo l’altra faccia della moneta coniata dal Potere e, per simmetrica connivenza, disquisisci di dottrina sulla vita e sulla morte, ma non ti importa nulla di chi vive e di chi muore. E magari ora ardisci anche usare il nome di quel bambino che non hai difeso quando dovevi farlo. Cammina pure sotto il suo nome, la mia strada è un’altra.

E il Signore abbia pietà di me, che non ho fatto tutto quanto avrei potuto fare e, soprattutto, non ho pregato quanto avrei potuto pregare. Se il miracolo non è avvenuto è anche per la mia poca fede, per la mia infedeltà alle ragioni del Cielo. E, ancora di più, il Signore abbia pietà di me per la fatica che provo nell’amarti figlio dell’occidente, chierico sacrilego, pastore dei pastori, cattolico perbene che stai sull’altro fronte. Il Signore abbia pietà di me e mi aiuti non cadere nella tentazione di trattenere anche solo un istante il bene mi è chiesto di darti per lasciare luogo alla maledizione. Perché, forse, è proprio quel bene che avrei dovuto gettare sulla bilancia nella speranza di farla pendere in favore di Alfie e non sono stato capace di dartelo.

Share →

25 Responses to Il Signore abbia pietà per chi non ha avuto cura di te, piccolo Alfie – di Alessandro Gnocchi

  1. Giuseppe ha detto:

    Che Dio abbia pietà di noi.

  2. Anonimo ha detto:

    Ma perché il Cielo non risponde mai? Perché il miracolo non c’è stato? Quanto pesa e quanto costa quel granellino di senape di fede necessaria affinché Dio esaudisca e compia il miracolo?

    • LUCIANO ha detto:

      Il “metro” di Dio è “leggermente” diverso dal metro degli uomini. Forse il SACRIFICIO del piccolo Alfie, potrebbe far si che Dio compia tanti o tantissimi Miracoli, ovvero il nostro ritorno alla FEDE. Questo sarebbe un miracolo ancora più grande di quella della non morte di un innocente.

    • isia ha detto:

      il miracolo c’è stato: il bambino ha respirato miracolosamente da solo per giorni, quando è umanamente e scientificamente inspiegabile che sia andata così. Dio lo ha voluto tenere in vita, grazie anche alla fede e alle preghiere che sono state innalzate per lui in Cielo. I malvagi hanno però, voluto pervicacemente martirizzarlo negandogli cibo e acqua e ossigeno mentre lo sedavano massicciamente. Dio ha quindi permesso il martirio. Così è sempre stato. Leggetevi la storia di S.Alfio martire, la cui festa ricorreva ieri. Il sangue dei martiri ottiene la conversione e la salvezza del mondo. Grazie ad Alfie molte persone, compresi molti sacerdoti, si sono destati e hanno ricominciato a pregare veramente. E questo è il più grande miracolo! Grazie Alfie!!

    • Sursum Corda ha detto:

      Siano lodati Gesù e Maria!
      Un bambino attaccato ad un ventilatore per oltre un anno (anche sano) non avrebbe avuto la forza di respirare da solo per così tanto tempo (e chissà per quanto ancora se non fossero intervenuti – diciamolo – per ucciderlo). Le fibre muscolari diaframmatiche si atrofizzano già dopo 72 ore dall’inizio della ventilazione meccanica, si figuri dopo 1 anno. Il Signore ha compiuto il miracolo! E chi in quei giorni ha iniziato a pregare senza fermarsi, rosario su rosario su rosario, ha sicuramente avvertito l’onnipotenza di Dio che interveniva con Sua Madre per dire al mondo: “il Signore é il Dio degli eserciti, può fare questo ed altro. Credete in Lui! Pregate il Santo Rosario! Perseverate come la vedova importuna (Lc 18;1-8)!” Il Signore ha compiuto eccome il miracolo. Ed ha anche risvegliato molti dal loro torpore di un perbenismo satanico. Ma l’uomo non ha voluto. E Dio ha voluto glorificare il suo Alfie dandogli la palma del martirio e la Visione Beatifica. (continua…)

    • Sursum Corda ha detto:

      Padre Pio diceva che tutto si paga NEL BENE e nel male. E S. Luigi Maria Grignon da Montfort (nel segreto del Santo Rosario) diceva che OGNI GRAZIA davanti a Dio richiede un certo numero di preghiere e sacrifici. Stabilite con somma Sapienza e Bontà. Maggiore é la Grazia, maggiori devono essere le preghiere ed i sacrifici per ottenerle. E questo per INFINITÀ BONTÀ di Dio, perché le Grazie vengano apprezzate, perché venga messa alla prova la nostra Fede, perché la perseveranza ed il sacrificio ci fortifichino (nel senso della virtù di Fortezza). La conversione di Sant’Agostino costò 30 anni di preghiere, sacrifici e pianti della sua santa mamma; ma poi arrivò la Grazia…e che Grazia! E quindi questo “silenzio di Dio” non é altro che bontà infinita e certezza di una Grazia ancora più enorme. Se poi Dio non potesse concedere la Grazia – perché sarebbe un male – Lui concederebbe un’altra Grazia altrettanto buona e – spesso – decisamente più grande di quella sperata all’inizio. Non giudichiamo l’azione “al momento” di Dio, ma partiamo dall’idea che Dio é Carità infinita. Ave…

    • Tonietta ha detto:

      Il Cielo risponde, caro anonimo, risponde sempre, ma spesso non come vogliamo noi, ché tanto più alti dei nostri sono i pensieri di Dio. Noi, purtroppo, guardiamo sempre all’altezza dei nostri occhi, tanto che il sacrificio di questo nuovo Bambinello, tanto è raccapricciante, ci appare solo impensabile e incomprensibile, quasi come a suo tempo lo scandalo della Croce; ed ora è come se a morire sia stato ancora Gesù. Chissà se per salvarci da questo orrendo abisso in cui stanno cadendo proprio coloro che non solo si fregiano ipocritamente del nome di cristiani, ma hanno anche il coraggio sfacciato di presentarsi in vesti sacerdotali.

    • LUCIANO ha detto:

      Sig. Anonimo, Lei è sicuro che il miracolo non sia avvenuto? Cito un piccolo episodio di cui sono stato testimone. Sono stato varie volte a Lourdes come barelliere, la domanda che mi ha sempre dato fastidio da parte di qualcuno è: HAI MAI VISTO QUALCHE MIRACOLO. Come se andare in pellegrinaggio fosse alla stregua di andare ad uno spettacolo con effetti speciali. Nel Luglio 2008, anno del giubileo per i 150° anniversario, quel giorno ci furono due funzioni consecutive (caso unico) nell’esplanade del Santuario, le due funzioni erano: la Santa Messa e il flambeaux (processione con la statua della Madonna, con tanto di candele accese), non vi posso quantificare il numero delle persone, (le sartine nella scatoletta sono molto più larghe). In tutta questa situazione le persone al 99% non sono molto attente, ergo ho visto decine di persone con le candele accese a pochi millimetri dai capelli (lunghi) del vicino, il mio terrore allora ed ora al ricordo: che qualcuno prendesse fuoco. NESSUNO ha preso fuoco, come si chiama tutto ciò MIRACOLI. Guardiamo e non vediamo

  3. LUCIANO ha detto:

    mea culpa, mea culpa, mea maxima culpa.

  4. irina ha detto:

    Parliamo di Fede ma, non la conosciamo. Non conosciamo, non frequentiamo quasi nulla di ciò di cui parliamo. Negli orrori quotidiani in cui viviamo un ambito da scandagliare è quello della medicina. Alfie aveva mostrato tutta la sua volontà di vivere respirando da solo, non è bastato a questa medicina, sicura che il bambino non avrebbe retto un quarto d’ora senza tubo. Così l’hanno stremato senza bere e senza sostegno nutritivo eppoi, da quello che si è intuito, ritornata l’idratazione e l’alimentazione, si è passato alla chimica, lo si è sedato prima di sopprimerlo.L’altro giorno un bambino, morte cerebrale o coma profondo, non ricordo perchè ho letto di corsa, mentre i medici chiedevano compunti alla madre la possibilità di espiantare gli organi e la madre nello strazio acconsentiva, il bambino si è svegliato. CHIARO? Anche la medicina è finita il momento che non lotta più per la vita. La medicina della morte non esiste. E’ assassinio.

  5. Francesca ha detto:

    Il piccolo Alfie ha scosso tante coscienze… per un motivo o per l’altro. Bellissimo il pensiero di Gnocchi. Signore abbi pietà di tutti noi.

  6. Silvio ha detto:

    Che Dio abbia pietà della nostra Patria e custodisca la nostra fede e il nostro onore. Alessandro che Dio ti benedica e sostenga il tuo coraggio.

  7. EMANUELE ha detto:

    Forse Alessandro il miracolo c’e’ stato… tutti i padri e le madri di buona volonta’ hanno unito le forze e anche chi non voleva vedere adesso ha visto.
    Vedremo da domani cosa succedera’, come cambieranno le nostre vite.
    Preghiamo il Signore per avere piu’ coraggio di fare quello che c’e’ da fare.
    Emanuele

  8. Giuseppe ha detto:

    Condivido in pieno Gnocchi. È quello che dice la proragonista Tootsi scampata al massacro Hutu che fa fuori tutta la famihlia in viva per raccontare. Dio padte ascolta solo chi peedpna i ndmici. Di cuore

  9. Mirella/Aloisia ha detto:

    Grazie, Alessandro Gnocchi! Come un Profeta Lei ha fatto Suo il “sentire” di tutti noi “credenti” e messo per iscritto.Siamo pronti a sottoscriverlo e renderlo visibile a tutto il “mondo”. Io SONO CERTA che in quella stanza d’Ospedale si sia Resa Visibile la Gloria di Dio, la Trinità in Persona come AI PIEDI DELLA CROCE sul Golgota.Ancora una volta, presenziavano un esiguo numero di persone, ma il MIRACOLO lo hanno visto tutti coloro che credono ancora. Il Sacerdote Inviato si è reso presente ed ha smascherato la neo-chiesa degli umani e traditori, ed è naturalmente stato cacciato, punito, ma egli è diventato “testimone”. Il Nostro Signore non poteva fermare gli assassini, ma li ha resi riconoscibili. Il Nostro Amatissimo Padre ed il Suo Figliolo hanno tenuto tra le loro braccia quel piccolo martire e poi lo hanno accolto nella Gloria Eterna, io credo.Non dobbiamo accogliere la rabbia per l’ingiustizia vissuta, noi possiamo perdonare come il Signore ci ha sempre proposto; però possiamo chiedere, come i Martiri sotto l’Altare, nell’Apocalisse di Giovanni…”Fino a…

  10. Mirella/Aloisia ha detto:

    ….Fino a quando Signore Dio, Tu che Sei Santo e Verace, non farai Giustizia e non vendicherai il Sangue dei Martiri sopra gli abitanti della terra?(Ap.6,9-10). Ci verrà risposto di portare ancora un po’ di pazienza, perchè altri saranno chiamati a testimoniare versando il loro sangue, finchè il Numero degli Eletti sia completato. La Giustizia è del Signore….la testimonianza è nostra; chiediamo scusa per le nostre mancanze, Dio ci perdonerà, perchè Lui è AMORE e noi, io SPERO, ritorneremo a dimorare in Lui in presenze più abbondanti….Alfie è “il chicco di grano” che se non muore come è morto Gesù, non produce frutto. Se produce frutto….dimora in Lui…..Grazie a tutti!

  11. normanno Malaguti ha detto:

    Sì, il miracolo è avvenuto!
    Ma quasi tutti hanno fatto finta di nulla. Il piccolo martire ha continuato a respirare, fino a quando i medici sono intervenuti per troncare la sua vita.
    Ma anche chi ha visto il prodigio ha smesso di gridare Osanna.
    Facciamo tutti un grande esame di coscienza e recitiamo, al cospetto di Dio, un vero, sentito atto di dolore.

  12. Annarita ha detto:

    Non credo che i genitori di Alfie abbiano pregato poco, a volte basta una lacrima per far avvenire un miracolo, altre volte le lacrime scorrono a fiumi e il miracolo non avviene. E’ un mistero, che spesso ci spiazza. Ma come potremmo avere una fede fauttrice di miracoli, da noi stessi? La Fede è un dono di Dio. Noi possiamo solo chiederla.
    E’ un mistero il perchè il miracolo non sia avvenuto, umanamente parlando ci pareva la cosa più elementare da avvenire, per la conversione di molti e per rafforzare i pochi che si aggrappano ancora alla speranza. Ma non è avvenuto. Il perchè lo sa solo Dio. Forse i cattivi non si sarebbero comunque convertiti, forse perchè Alfie era desiderato in Paradiso, forse, per provarci nella fede e nella speranza. E’ la solita domanda che ci martella nella mente: perchè gli innocenti perdono sempre in questa vita? E’ perchè abbiamo ancora il velo di nebbia davanti agli occhi e non possiamo vedere o comprendere fino in fondo che la vittoria non la vedremo di qua. Di qua la battaglia, la croce, la morte, e la speranza di aver fatto il nostro dovere.

  13. normanno Malaguti ha detto:

    Sì, il prodigio è avvenuto, ma noi abbiamo chiuso gli occhi e la bocca, abbiamo messo in dubbio che il Signore sarebbe intervenuto. Chiediamo perdono al Signore, con l’intercessione del Piccolo Grande Martire.

  14. Antonio bev. ha detto:

    Piccolo Grande Martire, Alfie, prega per noi!
    Carissimo Alessandro, grazie!

  15. Don Luis Eduardo Rodríguez Rodríguez ha detto:

    GRAZIE ALESSANDRO, sempre suoi scritti un´oasis in mezzo a quest´APOSTASIA sopratutto della gerarchia perversa; dell´impostore che piace la pubblicitá in ogni caso, anche servendosi d´un bimbo terminale; anche lo dimostrano suoi uomini del COLPO DI STATO VATICANO, Kasper, Ravasi, Spadaro, Parolin, Marx, Rodríguez Madariaga, Galantino; San Gallo Mafia´s Club…insomma é cosí lungo, ma cosí evidente, l´elenco; se quest´apostati scrissero questo Vostro articolo…altra sarebbe la nostra Chiesa. GRAZIE. Dal Venezuela, Don Luis Eduardo Rodríguez Rodríguez.

  16. Diego ha detto:

    Splendido articolo!

  17. Lele ha detto:

    la differenza fra il giusto e il malvagio è che il giusto riesce a provare vergogna anche per le azioni del malvagio.si pensi alla descrizione di Levi dei soldati dell’Armata Rossa che per primi entrarono ad Auschwitz: loro riuscivano a provare vergogna per cio’ che avevano fatto i nazisti, per questo loro erano dei Giusti.
    qui abbiamo visto all’opera i giusti e i malvagi (magistralmente descritti da Gnocchi). a tutti provvedera’ Dio, ma sarei felice di dargli una mano.

  18. Caterina ha detto:

    A. Gnocchi ha descritto perfettamente bene l’IPOCRISIA E LA VIGLIACCHERIA dei cristiani “della domenica” e dei loro degni prelati. Un esempio: come tutte le domeniche sono stata alla Messa V.O il giorno dell’Ascensione. Tutto sempre magnifico nella liturgia e ogni volta mi sembra di vivere il Paradiso. Questa volta però un neo (e che neo! Momenti piangevo). Il sacerdote solito che celebrava ha manifestato le sue idee nell’omelia: Dire la verità va bene ma fino a un certo punto, perché a volte può essere controproducente (e va be’ fin qua ci sono casi limite mi vien da pensare a certe occasioni). Ma poi continua: se diciamo la verità religiosa a chi non è d’accordo con noi (vedi progressisti) questi potrebbero rispondere tu sei matto, un fondamentalista, lefevriano. Quindi è meglio tacere per non crearci nemici. Molto meglio parlare con la propria vita che con le parole (che significa??? le parole non fanno parte della nostra storia personale?). Insomma per farla breve: non testimoniare il vero che meglio per te! Povero prete, l’ho subito affidato alla M. di Fatima! Che…

  19. leo ha detto:

    Commovente articolo che dovrebbe convertire anche le anime più ottuse ,”quelle che cantano con una voce piena di sole e di sassi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili

Il Signore abbia pietà per chi non ha avuto cura di te, piccolo Alfie – di Alessandro Gnocchi