Riscossa Cristiana Cambia

Clicca qui per accedere al nuovo sito.

Cari amici,
da lunedì “Riscossa Cristiana” cessa le pubblicazioni e nasce Ricognizioni oltre la linea, o più brevemente Ricognizioni.

La redazione è la stessa, le idee sono le stesse, ma serve uno strumento nuovo, adatto ai tempi in cui viviamo. Ricognizioni è nato dalla consapevolezza di trovarsi ormai oltre la linea, in terra nemica, là dove non avremmo mai pensato di essere solo qualche anno fa. Oltre la linea in una Chiesa che non si occupa più delle anime, ma solo di quei corpi che rendono propagandisticamente. Oltre la linea in uno Stato che legifera secondo le agende stabilite in opachi palazzi di vetro. Oltre la linea in una società che affida la salvezza del pianeta alle Grete di turno. Oltre la linea in un mondo che divinizza le bestie e ammazza i bambini. Ed è proprio oltre la linea che dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn che citiamo nel sottotitolo, idee per vivere senza menzogna.

Qualcuno ne sarà deluso, ma pensiamo che questo non sia più il tempo di una “riscossa cristiana”. Quello che siamo chiamati a fare è, al tempo stesso, più radicale e meno eclatante. Si tratta di attestarsi e perlustrare “oltre la linea” in terra nemica per osservare cosa vi accade e informare chi non intende piegarsi all’iniquità di un potere che non conosce altra legge che la propria prosperità. Andare in ricognizione, ecco il nostro compito, per descrivere un panorama devastato, per elaborare idee per uomini vivi, ma anche per raccontare ciò che di buono sopravvive: persone, pensieri, libri, fatti, storie, testimonianze che possono diventare alimento per tutti noi che, in qualche modo, ci riconosciamo. Senza indulgere alla pigrizia di pestare nel mortaio le solite quattro idee ormai ridotte a poltiglia immangiabile. E senza sconto alcuno per il nemico. Ma anche per chi, consapevolmente o inconsapevolmente, sale volentieri alla ribalta nel ruolo di oppositore di comodo giocando secondo le regole stabilite dal potere. A noi non piacciono né il gioco né le regole: ormai dovrebbe essere chiaro a tutti che quando il potere vuole destituire di fondamento un’idea antagonista, invece che farla attaccare da uno bravo dei suoi, trova più redditizio farla difendere da uno sprovveduto degli oppositori. E trova sempre un personaggio in cerca d’autore disposto a mettersi la divisa da assaltatore gentilmente fornita dalla fureria del reggimento, che finisce sempre per andargli un po’ larga o un po’ stretta facendo irrimediabilmente ridere.

Ci si chiederà, allora, che cosa rimane in Ricognizioni di “Riscossa Cristiana”. Rimangono le persone, rimangono le loro convinzioni, rimane la loro fede e il tentativo quotidiano di viverla e testimoniarla. Rimangono tutti gli scritti, che segnano il percorso seguito dal principio fino a qui.

Rimane inoltre l’impegno per la “Società San Martino di Tour e San Pio da Pietrelcina”, una delle sue più belle e generose filiazioni, che in questi anni ha sostenuto e aiutato laici e sacerdoti venutisi a trovare “oltre la linea” a causa della loro fedeltà a Cristo e al suo Vangelo. L’opera della “Società San Martino e San Pio” continua, attualmente con l’aiuto a cinque sacerdoti, di cui uno risiede all’estero, e quando possibile a famiglie in difficoltà. Tutto, naturalmente, proporzionato a quanto offre la generosità dei sostenitori. Per dare l’idea dei sacerdoti a cui viene dato aiuto, diciamo che uno di loro è stato privato del sostentamento economico perché, gli ha spiegato il vescovo, questa chiesa “tollera, ma non approva” la scelta di chi si ritira in eremitaggio a pregare.

Siccome le follie non viaggiano mai per conto loro, la nascita di Ricognizioni è accompagnata dalla nascita di una rivista cartacea trimestrale pensata e realizzata sempre dallo stesso gruppo redazionale. Il primo numero uscirà a settembre, ma di questo avremo modo di parlare più avanti. Ci tenevamo comunque a dirvelo per mostrare la serietà di un impegno che cerca di essere il più articolato e completo possibile.

Speriamo, ma un po’ ne siamo già convinti, che questa nuova avventura la appassionerà e le sarà di aiuto e conforto.

Un cordiale saluto, Ricognizioni.

La borghesia è morta? Diamole una sveglia – di Mario Bozzi Sentieri