Lettera del padre Ariel S. Levi di Gualdo al padre Antonio Rizzolo, direttore del mensile Jesus

 .

cprtnjsCaro Confratello.

La rivista Jesus è divenuta una tale melassa di luoghi comuni di estrazione modernista da farla ormai apparire come un’appendice della esotica congrega bosiana del cattivo maestro Enzo Bianchi, vostra firma di punta [qui, qui] assieme a Gianfranco Ravasi [qui].

Se l’autorità ecclesiastica avvertisse la propria naturale vocazione alla difesa della verità contro l’errore, anziché essere paralizzata nel ristagno originato dal peccato di omissione che genera la peggiore impotenza, la vostra congregazione religiosa sarebbe stata commissariata al posto di quella dei Francescani dell’Immacolata, ed al vostro giornale la Conferenza Episcopale Italiana avrebbe provveduto da tempo a togliere il titolo di “cattolico”, con relativa precisazione che Jesus per un verso, Famiglia Cristiana per un altro, non rappresentano il sentire della comunità cattolica italiana e quello dei vescovi che la guidano.

Come spiegavo a un auditorio di Rieti pochi giorni fa durante una conferenza promossa dalla Fondazione Internazionale Tomas Tyn [qui, qui], oggi il peccato di omissione va per la maggiore tra i nostri vescovi, mentre il principio di inversione tra bene e male pare regnare sovrano. La conseguenza logica e al tempo stesso tragica è uno stato di ristagno che genere quella impotenza in virtù della quale tutti fanno tutto e nessuno reagisce, se non nei confronti di chi tenta di difendere la sana dottrina cattolica.

Dopo che nel corso degli ultimi cinquant’anni il dogma è stato fatto a pezzi dall’ascia dei Rahner e degli Schillebeeckx, per poi seguire appresso con la dispersione dei brandelli sezionati per opera del prolifico esercito dei loro nipotini ideologici, la situazione odierna è quella di una Chiesa nella quale una non meglio precisata “dottrina” antropocentrica si è andata sostituendo a quella cristocentrica.

Passo adesso a commentare una frase chiave apparsa sul tuo ultimo editoriale di Jesus: «E’ passato un anno dall’elezione di Papa Francesco, il 13 marzo 2013, ma la sensazione è che si siano fatti enormi passi in avanti nella Chiesa, riducendo quel ritardo di 200 anni di cui parlava il cardinale Martini». In occasione di questo anniversario bisogna «riflettere sulla Chiesa del futuro, sulle prospettive aperte dalla rinuncia di Benedetto XVI, gesto profetico che ha desacralizzato la figura del Papa, e l’elezione di Bergoglio che ha rimesso al centro il Vangelo» [testo integrale: qui].

Sorvolo sui deliri fanta-ecclesiali dell’ultimo Carlo Maria Martini citato in somma gloria come un profeta e riguardo il quale pochi osano dire la verità a proprio rischio e pericolo [qui]. Proverò a dirla io con la devozione dovuta a un vescovo dalla sincera tenerezza di un sacerdote che reputa opportuno richiamare quanti fossero interessati a un’evidenza così solare: «Il re è nudo!».

l’Arcivescovo emerito di Milano ha vissuto gli ultimi anni della sua vita ed è morto colpito da una profonda crisi di fede, lo dimostrano i suoi ultimi discorsi angosciosi e alcuni inquietanti libri-intervista. Se ne facciano una serena ragione, i devoti Martinitt. Perché se negli anni Settanta molti preti progressisti, anziché fare i confessori e i direttori spirituali si sono messi invece a giocare con le indagini psicanalitiche, inevitabilmente, quelle stesse tecniche d’indagine, finiranno all’occorrenza applicate simile modo ai preti stessi e a certi loro vescovi bandiera.

Se li boni gesuiti compirono un’opera altamente meritoria, tale fu quella di smontare su La Civiltà Cattolica il libro di Vito Mancuso [qui] nel quale erano concentrate perlomeno una dozzina di eresie [qui], siffatta opera resta però compiuta a metà e in modo pure maldestro, perché nessuno scrittore di quella prestigiosa redazione si è premurato di rammaricarsi per l’eminente firma che a quel libro vergò prefazione: il Cardinale Carlo Maria Martini, in assenza della quale mai avrebbe riscosso il successo avuto. Né alcuno ha puntualizzato che fu Carlo Maria Martini in persona a consacrare sacerdote Vito Mancuso per la Diocesi di Milano nel 1986 all’età di soli 23 anni [qui] con la prevista dispensa chiesta e ottenuta dalla Santa Sede. Infatti, l’età minima prevista dal Codice di Diritto Canonico per l’ordinazione dei presbiteri è fissata a 25 anni dal canone 1031. Il vescovo ha facoltà di dispensare un anno, ma al di sotto dei 24 anni è obbligatorio chiedere e ottenere la dispensa dalla Santa Sede.

Nel 1987, ad appena un anno dalla sacra ordinazione, Vito Mancuso mostra tutta la solidità della sua formazione conseguita nel seminario di una diocesi governata dal più celebrato astro del progressismo episcopale italiano, chiedendo di essere sospeso dal sacro ministero. A quel punto, Carlo Maria Martini, cerca di farlo riprendere dalla crisi inviandolo a studiare presso Bruno Forte, affinché la toppa potesse risultare nel tempo molto peggiore dello strappo [qui].

A questo punto la domanda sorge a dir poco legittima: considerando che il Cardinale Carlo Maria Martini chiese e ottenne persino la dispensa dalla Santa Sede per poter procedere all’ordinazione sacerdotale di questa stella nascente della teologia che un anno dopo appena abbandonava il sacro ministero; può essere credibile che dinanzi al vespaio sollevato da questo libro, l’eminente prefatore facesse affermare a varie interposte persone che in verità, questo Vito Mancuso, in pratica quasi non lo conosceva? [qui].

Appresso, li boni gesuiti de La Civiltà Cattolica, per bocca e per penna del Padre Gianpaolo Salvini tentavano di far credere tra le righe che Vito Mancuso aveva strappato al povero cardinale una prefazione quasi con artifizio e inganno, usando sue lettere private e amenità circonlocutorie di vario genere atte però di fatto ad offendere l’intelligenza di chiunque se le sia viste presentare come plausibili giustificazioni veritiere mirate a smontare un dato oggettivo e grave: Carlo Maria Martini ha scritto la prefazione all’autentico distillato di eresie di un personaggio che in verità conosceva così bene da averlo consacrato sacerdote con la prevista dispensa pontificia al di sotto del limite di età, da averlo dispensato come proprio presbitero dall’esercizio del sacro ministero, da averlo inviato a studiare con Bruno Forte e suvvia a seguire. Dal canto suo, Vito Mancuso, ritrovandosi ad essere accusato dai maestri della “riserva mentale” e della “doppia coscienza” di avere compiuto un gesto che in sé sarebbe a dir poco infame — ossia l’avere estrapolato una prefazione da alcuni messaggi privati — essendo sì fuori discussione un eretico conclamato, ma non essendo affatto un uomo né disonesto né bugiardo, rispose dimostrando che quella prefazione era autentica senza facile pena di smentita [qui].

Con queste dovute precisazioni desideravo far calare una trapunta di lana pesante sulla cara persona del Cardinale Carlo Maria Martini, che taluni si ostinano a presentare da morto ancora più che da vivo come un autentico Santo Padre e Dottore della Chiesa, nonché difensore della vera fede cattolica.

Vorrei poi che tu spiegassi con approfondita ecclesiologia l’altra tua frase agghiacciante: «L’elezione di Bergoglio che ha rimesso al centro il Vangelo». E sarebbe bene spiegarla perché molti cristiani non “adulti”, poiché non cresciuti alla gloriosa Scuola di Bologna di Dossetti&Alberigo, tra un ritiro spirituale a Bose ed un drink ecumenico con una vescovessa luterana lesbica che si diletta a ordinare preti gay [qui], nel loro povero infantilismo pre-adolescenziale e cattolico-paesano potrebbero persino dedurne che sotto i pontificati di Paolo VI, di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI il Vangelo non era affatto al centro della vita della Chiesa.

Infine l’ultima domanda: siamo forse giunti alla celebrazione della ghigliottina sulle riviste “cattoliche”? Perché nel caso in cui la cosa sfuggisse, merita allora ricordare ai membri dell’episcopato italiano preposti a vigilare ed a difendere la verità dall’errore, che la cultura liberista, anticlericale e massonica ha sempre celebrato il taglio della testa dell’ultimo Re di Francia con parole ben precise: «Il taglio della testa di Luigi XVI e di Maria Antonietta ha de-sacralizzato la figura del Re, portandolo dalla sua dimensione di monarca avvolto d’aura trascendentale, a quella di cittadino assoggettato come tutti alle leggi del Popolo Sovrano». Quel Popolo ideale e quel Popolo idolo ideologico che voleva dire tutto e niente, perché nei concreti fatti non valeva e non contava niente, visto che padrone della vita e della morte, sulla base di puri umori ed arbitri, era un autocrate sanguinario come Maximilien de Robespierre, il quale finì poi col fare la fine che fece, come del resto quasi tutti i tiranni.

Lasciami pertanto rammaricare per la tua carente cultura storica, teologica ed ecclesiologica, di cui il mensile Jesus ci ha data eloquente saggio in questo numero con l’editoriale da te firmato. E detto questo la chiudo in breve allegando qui di seguito una serie di collegamenti a dei filmati che parlano e che spiegano più di qualsiasi parola quel che è stato prodotto dalla ghigliottina che ha «desacralizzato la figura del Papa».

Negli anni Settanta io ero adolescente, sono nato nell’agosto del 1963. In quegli anni, quando i sacerdoti paolini cominciarono a gettare per primi la talare alle ortiche per indossare completi in giacca e cravatta [qui, qui, qui], esisteva un giornale chiamato Il Male [qui], fatto tra l’altro anche molto bene a livello grafico, al di là dei contenuti difficilmente accettabili per qualsiasi mente cattolica. Questo giornale pubblicava attacchi periodici molto pesanti nei confronti del Sommo Pontefice Paolo VI, nonostante fosse ormai anziano e gravemente ammalato. E non fu solo Paolo VI a subire attacchi d’ogni sorta, li subì anche il Beato Pontefice Giovanni Paolo II nel corso di tutta la prima e la seconda fase del suo pontificato.

Sempre in quegli anni, il giovane rockettaro Edoardo Bennato cantava una canzone irriverente intitolata «Affacciati affacciati», che era tutta una dura contestazione al Pontefice e alla istituzione religiosa e storica del papato [qui, qui].

La differenza che corre tra queste due diverse epoche storiche con annesse conseguenti reazioni, è questa: gli attacchi passati, o se vogliamo quelli di sempre, erano mossi da credo religiosi diversi, da ideologie, da dottrine politiche, da forze occulte quali ad esempio la Massoneria, che miravano all’attacco preciso e deciso, spesso infarcito di filosofismi e politicismi animati da apparente buonsenso e, talvolta, supportati anche su errori o su politiche sicuramente sbagliate portate avanti dalla Chiesa o dai Pontefici nel corso delle varie fasi storiche legate al passato recente e remoto.

Oggi che invece siamo giunti alla desacralizzazione celebrata dal giacobinismo del tuo mensile “cattolico”, quella del Romano Pontefice — casomai non te ne fossi accorto — è una figura che da molti è stata mutata in oggetto di pubblico sberleffo sui giornali e sulle televisioni. Una figura — e si badi bene che parlo della figura e non di Jorge Mario Bergoglio — trattata giornalmente alla stregua di quella di un pagliaccio. Subdola e terribile è infatti la logica: si distrugge l’ufficio, ossia il papato, ed al contempo si esalta la simpatia e l’amabilità della persona di Jorge Mario Bergoglio, che da questo ufficio è stato completamente scisso a livello mediatico. Insomma: «Bergoglio si, papato no!».

Sarebbe poi interessante fare un’indagine storica con relativa ricerca per verificare in quale stile erano impastate nel corso dell’Ottocento le pesanti e infamanti vignette satiriche che prendevano di mira principalmente il Beato Pontefice Pio IX. Immagini durissime nelle quali il Pontefice era ritratto in modo sprezzante sotto la forma di porco o di rospo. Delle immagini che erano mirate a suscitare profondo disprezzo; e per questo lungi dal presentare il Romano Pontefice come un pagliaccio che tra una risata e l’altra suscitava invece simpatia e senso di affetto a scapito del ministero e del mistero da esso incarnato: «Tu es Petrus»[cf. Mt 16,18].

Credo che dovresti ricercare e studiare certi testi e immagini del passato, facili peraltro da trovare perché i tuoi colleghi di Micromega le hanno messe a gentile disposizione in una preziosa pubblicazione [qui] nella quale troverai prova e ragione di quanto ti ho appena espresso in toni doverosamente allarmati.

Dio benedica i tempi nei quali, quando la salma del Pontefice Pio IX fu traslata nella Basilica di San Lorenzo al Verano tra la notte del 12 e 13 luglio 1881, un gruppo di anticlericali furenti cercò di scagliarsi sul suo feretro al grido «Al fiume il papa porco!», con l’intento di gettare la bara nel Tevere. Perché dietro a quell’odio furibondo verso un grande uomo di Dio, c’era un dato di fatto: quegli aggressori riconoscevano — seppure con profondo sprezzo interiore — che il cadavere di quell’uomo era appartenuto al Romano Pontefice. Cosa del tutto chiara, questa, anche ad Ali Ağca un secolo dopo [qui], che pure non proveniva da una cultura né da un contesto storico e sociale cattolico e che tentò di assassinare in Piazza San Pietro Giovanni Paolo II in quanto Sommo Pontefice della Chiesa Cattolica Apostolica Romana, come anni prima accadde a Manila a Paolo VI [qui].

Era molto meglio quando si tentava di gettare a fiume le salme dei Sommi Pontefici consapevoli che erano Pontefici o quando si tentava di assassinarli in Piazza San Pietro. Era molto meglio allora rispetto ai giorni d’oggi, dove grazie alla tua celebrata desacralizzazione i Pontefici sono invece presentati dai mass-media anticattolici e filo massonici come dei buffoni, che in quanto tali strappano un sorriso facendo amorevole tenerezza alla stessa stregua del mitico matto del villaggio, mentre si fa a pezzi il mistero e il ministero di Pietro sul quale Cristo ha fondato la sua Chiesa [Supra: Mt 16,18]

E adesso guardati a una a una le immagini filmate che seguono, poi dimmi se la mia analisi è sbagliata, illustre direttore di Jesus, mensile cosiddetto “cattolico” che esalta «un gesto» — che non è affatto un semplice «gesto» ma una lacerazione e un trauma forse irreversibile — attraverso il quale è stata «desacralizzata la figura del Papa», dopo che noi siamo riusciti a realizzare dall’interno ciò che mai riuscì a realizzare dall’esterno neppure il periodo del terrore della Rivoluzione di Francia che si avventò con rara ferocia contro la Chiesa Cattolica.

.

Ariel S. Levi di Gualdo

 

__________________________________________________________

FILMATI ALLEGATI:

 

da “Striscia la notizia” Canale5

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?18003

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?18739

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?18209

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?18062

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?18049

http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?18025

da “Crozza nel Paese delle Meraviglie” La7

https://www.youtube.com/watch?v=gsnl3PyHqN0

https://www.youtube.com/watch?v=6uQ-nsshTjI

http://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/crozza-papa-francesco-impara-da-renzi-benedico-con-una-mano-in-tasca/160060/158550

https://www.youtube.com/watch?v=ipbfjvaaONc

Maurizio Crozza “Ballarò” Rai3

https://www.youtube.com/watch?v=y-iZKvYAn-w

 

Ecc … Ecc …

Share →

27 Responses to L’esaltazione della ghigliottina che ha desacralizzato il Papa tra falsi profeti e cattivi maestri

  1. Itala ha detto:

    Caro don Ariel,lei ha perfettamente ragione. Se va avanti così, ci scrittureranno nei circhi al posto dei pagliacci. Il naso qualcuno lo ha già messo, manca solo il belletto e siamo a posto. Saluti e grazie .

  2. Dorotea ha detto:

    Grazie Padre Ariel per essersi esposto, nuovamente, con coraggio per aiutare noi, piccolo gregge, a capire la strada da seguire….. voglio solo rammentare le parole di Benedetto XVI alla stampa che si dice cattolica:
    “Vi esorto a non cedere a compromessi in valori tanto importanti, ma ad avere il coraggio della coerenza, anche a costo di pagare di persona: la serenità della coscienza non ha prezzo. ..” (Messaggio di Benedetto XVI all’Unione Cattolica della Stampa Italiana -UCSI- 19 gennaio 2009 )
    questi non è che hanno perso la coerenza, è solo che hanno sbagliato vangelo…. e sono coerenti con il loro vangelo!

  3. Ale90 ha detto:

    C’è da sentirsi male! Che tristezza!

  4. Mario ha detto:

    Grazie, don Ariel !

  5. giovanna ha detto:

    Padre Ariel, esemplare, come sempre, per il grande coraggio nell’esporsi e grazie infinite per l’immenso aiuto che da a chi, come me, cerca la verità. Dio la benedica.

  6. massimiliano ha detto:

    Il mondo andrebbe molto meglio se i sacerdoti fossero tutti come lei, caro Padre Ariel…

  7. Tonietta ha detto:

    Fra i giornali “da parrucchiere” proprio oggi me ne è stato presentato uno intitolato “Il mio Papa” che, pagina dopo pagina, si concentra sull’immagine del pontefice mostrandolo ora con la solita borsa da viaggio, ora seduto fra i fedeli in meditazione dopo la Messa, ora con il naso da clown , ora in atteggiamenti da definire per lo meno inconsueti e così via discorrendo. Tutto, fortunatamente, per recuperare quei famosi 200 anni di ritardo che la Chiesa ha disgraziatamente accumulato per colpa dei passati pontefici.
    Sbalordita come sono, che dire? Pater de Coelis Deus, miserere nobis!

  8. Francesca ha detto:

    Solo grazie. Lo Spirito Santo liberi presto Sua Santità il Sommo Pontefice dai consiglieri fraudolenti, Lo guidi per l’arduo sentiero della Verità e ponga al Suo fianco Cristiani autentici ed ispirati, fedeli al Verbo di Dio e coraggiosi nella testimonianza.
    LIBERA NOS A MALO DOMINE.

  9. Luigi ha detto:

    Grazie e grazie ancora, caro Don Ariel.
    Dio la benedica, illumini la sua intelligenza e sostenga sempre la sua fede. Per lei, e per noi. E per tanti suoi confratelli che hanno perso la trebisonda.
    Ave Maria, non pemettere che alcuno mai ci stacchi da Tuo Figlio.

  10. Paola ha detto:

    Grazie don Ariel.
    Ma di CONCRETO non possiamo fare nulla?

  11. Corrado R ha detto:

    Articolo eccellente Padre Ariel, diffondiamo queste parole piene di verità e di coraggio

  12. Carla D'Agostino Ungaretti ha detto:

    Sono totalmente d’accordo con quanto scrive Padre Levi di Gualdo. Ho sott’occhio il numero di marzo di JESUS che mi aveva profondamente avvilito anche prima che leggessi l’articolo di Padre Ariel, tanto che sto meditando di interrompere l’abbonamento a questa rivista dopo ben 24 anni di fedeltà e di frequenti dialoghi e fraterne discussioni con i vari direttori. Ma provo un grande dolore: che tra cattolici si debbano riscontrare queste diversità di posizioni. Mi si risponde che la diversità è una ricchezza (come avrebbe detto anche Papa Francesco al povero Palmaro durante la famosa telefonata) ma io, che sono una cattolica “bambina”, quando mi accorgo di queste differenze così pronunciate, soffro come il bambino che percepisce l’incompatibilità dei suoi genitori. Quando si realizzerà l’ “ut unum sint” invocato da Gesù? Se siamo così differenziati tra cattolici, quando riusciremo a riunirci ai fratelli protestanti e ortodossi? il mio disagio spirituale è aggravato dal fatto che con l’attuale orientamento della Chiesa non vedo spiragli di armonia tra fratelli.

    • Ale90 ha detto:

      “Ma provo un grande dolore: che tra cattolici si debbano riscontrare queste diversità di posizioni”
      due osservazioni:
      punto uno: “tra cattolici”, NO questi non sono cattolici e mi fermo qui perché non riesco a trovare una parola educata per definirli adeguatamente.
      punto secondo: “diversità di posizioni”, non sapevo che adesso errori ed eresie si chiamassero così.

  13. eyeswideopen ha detto:

    Don Ariel, al secondo video m’è venuto il voltastomaco! La vigna è devastata: chi vuol bere aceto, si accomodi al banco di qualche bettola di periferia.

  14. leo aletti ha detto:

    Grazie padre Ariel S. Levi di Gualdo, anche il suo nome indica una storia, ” avanti forza non ti fermare mai “

  15. gabriele ha detto:

    Articolo eccellente caro Don Ariel.
    Dimostra sempre un grande coraggio però mi raccomando sia sempre PRUDENTE COME UN SERPENTE perchè la gerarchia d’oggidì mi sembra molto pericolosa e vendicativa ed il caso da lei citato dei Francescani dell’immacolata sta lì a dimostrarlo. Non scherzi con quella gente.
    Molti vescovi hanno perso la fede e dunque anche la carità con tutto ciò che ne deriva (almeno questo è il mio pensiero, attendo fiducioso di essere smentito).
    Quanto alle “figure” arcivescovili da Lei citate beh che dire…. preghiamo affinchè il Signore abbia loro concesso di superare ogni dubbio e li abbia accolti innanzi a Se.
    Purtroppo ogni professione ha la sua “malattia” professionale tipica…. i soffiatori del vetro hanno la silicosi, i minatori pure, i muratori le ernie al disco …. i biblisti possono rischiare di perdere la fede.
    Preghiamo per loro.
    Saluti.

  16. gabriele ha detto:

    pardon, la citazione evangelica era ASTUTI come serpenti, ma il concetto rimane ….. 🙂

  17. Mariateresa ha detto:

    Con profonda commozione La ringrazio di cuore ! Dio La rimeriti !

  18. Leonardo ha detto:

    Tutto vero, ma purtroppo chi deve fare qualcosa di concreto non interviene, tuttavia sono contento che alcuni (veramente poch)i presbiteri e religiosi si accorgono di queste cose.

  19. Andrea ha detto:

    Triste realtà, Padre Ariel ha ragione, davvero mi rattrista molto e mi sento come dire ferito nel vedere la figura del Papa così ridotta

  20. Nicòla ha detto:

    Bravo don Ariel.
    L’unico punto è che il re ghigliottinato è indicato usualmente come LUIGI XVI. Come Luigi Filippo è indicato il re “borghese” (1830-1848), figlio di quel Filippo “Egalité” che, in veste di deputato votò in favore della morte del cugino.

    • Riscossa Cristiana ha detto:

      Refuso corretto in ritardo. Chiediamo scusa

      RC

      • Ariel S. Levi di Gualdo ha detto:

        Caro Nicola.

        Le sono molto grato.
        Purtroppo non mi ero accorto di questo lapsus, proprio io che ho molto praticato gli studi storici di quell’epoca.
        Grazie alla sua attenzione abbiamo potuto correggere.
        Di nuovo grazie.

  21. claudia ha detto:

    Bravo don Ariel, ha scritto bene.
    Anch’io trovo agghiacciante la frase: “ha rimesso al centro il vangelo”, non tanto per chi l’ha scritta (si potrebbe pensare che non è molto in forma mentalmente), ma perché, come ha giustamente notato lei, rischia di passare tra le persone. C’è una così grossa ignoranza religiosa e una tale chiusura mentale e di cuore, non solo nella nostra società ma in particolare tra gli stessi cattolici, che temo che una simile frase passi.
    E’ inoltre doloroso vedere come bastino pochi gesti e così poco tempo per azzerare dalla memoria di tanti decenni di pontificato precedenti, cinquant’anni di sforzi e di dolori, sia fisici che spirituali, per tentare di mantenere la Chiesa nella giusta direzione.
    Continuiamo ancora di più nella preghiera per la Chiesa e il S.Padre.

  22. marco F. ha detto:

    Comunque, a me pare che sia il nuovo corso di papa Francesco a desacralizzare la figura del papato. Dallo stile, alla scelta di risiedere a Santa marta e alle sue interviste , allo staccare le mani giunte di quel chierichetto, ecc. e non mi soffermo oltre.
    Padre Ariel che Dio la benedica, trovare sacerdoti come Lei e come trovare l’ago in un pagliaio

  23. isia ha detto:

    Grazie molte padre Ariel, purtroppo ormai siamo rimasti in pochi a tentare di difendere la Vera Fede dalla grande Apostasia che è in atto. Grazie sopratutto perchè abbiamo un disperato bisogno di voi sacerdoti e purtroppo la maggior parte di voi non sa più guidarci. Il mondo ama questo “nuovo corso della Chiesa e del papato”, semplicemente perchè ci si riconosce, è chiarissimo!! fin’ora la Chiesa ha tentato di mantenere viva la luce della Fede e della Verità, a costo di essere odiata dal mondo, così come il suo Fondatore. Ora invece il mondo ama questa nuova chiesa perchè si riconosce nel buonismo e nell’umanesimo della sua gerarchia e quindi perchè dovrebbe combatterla? Purtroppo c’è un grande disegno sotto tutta questa situazione, niente avviene a caso….ma sappiamo che la Chiesa vera di Cristo, anche se sarà ridotta a un piccolo resto, solo e perseguitato, sopravviverà, anche grazie a sacerdoti coraggiosi come lei che non si faranno intimidire!

  24. Silvio ha detto:

    Non so come e quando finirà questa deriva della Chiesa, ma so che finirà! Rinascere dalle macerie sarà dura, ma, sono sicuro, che Giustizia trionferà…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili

L’esaltazione della ghigliottina che ha desacralizzato il Papa tra falsi profeti e cattivi maestri