L’invasione rivoluzionaria e massonica del Regno delle Due Sicilie, la pulizia etnica, l’eroica resistenza dei Patrioti meridionali

 di Pucci Cipriani

soldati del re

.

MEMORIAE TRADERE. Rubrica del sabato, a cura di Pucci Cipriani

sabato 19 settembre 2015

**************************

BRIGANTI FURONO LORO  –  di Pucci Cipriani

L’invasione rivoluzionaria e massonica del Regno delle Due Sicilie, la pulizia etnica, l’eroica resistenza dei Patrioti meridionali

==============

“Per liquidare i popoli si  comincia con il privarli della memoria. Si distruggono i loro libri, li si fornisce di un’altra cultura,si inventa per loro un’altra storia. Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che è stato. E il mondo attorno lo dimentica ancor più in fretta”.

(Milan Kundera)

“…se le plebi parteciparono poco al Risorgimento ebbero parte assai, e dolente e coraggiosa, nel pagarne i debiti” 

(Riccardo Bacchelli)

“Il cosidetto Risorgimento italiano è stato un capitolo dell’imperialismo inglese”

(Augusto Del Noce)

“Ce l’ho qui (la libertà) -rispose Franco e si batté sul cuore – dacché tra la mia e quella dei liberali ho scelto liberamente, da uomo. Non mi piace la loro libertà, ché quando te la vengono a imporre con le baionette, non è più essa…Altri combattono e muoiono per una conquista, una terra…ma noi moriamo per una cosa di cuore: la bellezza. Qui non c’è vanità, non c’è successo, non c’è ambizione. Noi moriamo per essere uomini ancora. Uomini che la violenza e l’illusione non li piega e che servono la fedeltà, l’onore, la bandiera e la Monarchia, perché son padroni di sé e servitori di Dio…oggi con noi c’è la sventura, e questa è la parte più bella.”

(Carlo Alianello – “L’Alfiere” )

.

Negli anni Settanta iniziarono i Convegni della “Fedelissima” Civitella del Tronto, l’ultimo baluardo del Regno del Sud che resistette ancora un mese, dopo la caduta di Gaeta, ai cannoneggiamenti dell’esercito piemontese, issando sulla Piazzaforte una candida Bandiera con i Gigli borbonici d’oro, ricamata dalla Regina Maria Sofia che, sugli spalti di Gaeta, al fianco di Re Francesco (Dio guardi!), combatté eroicamente contro gl’invasori piemontesi, per difendere il glorioso e legittimo Regno del Sud.

In un periodo di contestazione sessantottarda a cui, dopo, sarebbero seguiti i sanguinosi “Anni di Piombo” Civitella assurse a simbolo di Resistenza. Una Resistenza contro il mondo che noi – isolati, fuori da ogni giuoco di potere nelle Scuole, nelle Università, nelle fabbriche…nei partiti, ma, soprattutto, nella Chiesa dove già si respirava (in maniera asfissiante) l’eversivo vento conciliare (anche se mai avremmo immaginato di arrivare all’odierna apostasia, alla demolizione totale della Fede e della Dottrina) –  iniziammo allora; non ultimo, fu il nostro impegno culturale per un serio e sano “revisionismo storico” : il così detto Risorgimento, le “leggende nere” dell’Inquisizione, dell’Evangelizzazione delle Indie, delle Crociate…perfino un partito “tricolorato” come il MSI, grazie a un personaggio di grande spessore come Silvio Vitale, il non dimenticato fondatore e direttore della gloriosa testata “L’Alfiere”, iniziò a prendere in considerazione il “revisionismo risorgimentale”. Ma anche questo durò lo spazio di una primavera e, anzi, l’On. Angelo Manna, un deputato “napoletano verace” , innamorato delle sue radici storiche e del Regno del Sud, fu “sospeso” dal partito (cosa gravissima in quanto era allora segretario l’On.Pino Rauti che queste cose le capiva e le sapeva, a differenza, del suo predecessore, e poi…continuatore, quel Finì, che ebbe la sua Waterloo a Montecarlo) per aver presentato un’interrogazione in Parlamento affinché fossero resi accessibili gli archivi dell’Esercito per consultare:

“i documenti comprovanti gl’internazionali bestiali crimini perpetrati dalla soldataglia piemontese ai danni delle popolazioni , per lo più inermi delle usurpate provincie meridionali dal tempo della camorristica conquista di Napoli a quello della così detta Breccia di Porta Pia…(per avviare quel processo di revisione e di demistificazione della storia scritta dai vincitori…(per cui) si tratterebbe di dare la conferma documentale dei decennali massacri belluini perpetrati dall’orda barbarica a cui seguì un emigrazione che fu un’esplosiva emorragia a catena…”

Mentre l’esercito garibaldino e tricolorato dei missini abbandonava, indignato, i banchi e Rauti si accingeva a “sospendere” il Parlamentare che aveva osato “pensare”…l’On Angelo Manna tolse, da vero signore, il disturbo e lasciò quel partito per dedicarsi completamente al giornalismo, ai suoi studi e alle sue ricerche. Dopo poco l’amico Manna pubblicò, appunto, un libro con il seguente titolo : “Quegli assassini dei Fratelli d’Italia” che conteneva, tra le altre cose, anche l’interpellanza fatta in Aula e la piacevolissima discussione da cui, tra l’altro, balza alla ribalta (di fronte alla silente e arrogante ignoranza dei più…Mastella non conosceva nulla della “pulizia etnica” fatta dai risorgimentali a Pontelandolfo e Casalduni…a tre passi dalla sua Ceppaloni) un colto e gentile Onorevole Adolfo Sarti, che presiedeva i lavori, estremamente interessato alla questione e quando Manna fa il nome di un testo “Il Risorgimento visto dall’altra sponda” (Berisio Ed) domandando se qualcuno lo conosca, Sarti risponde:

On Sarti- Conosco perfettamente questo genere di letteratura, e voglio ricordarle che fu una casa editrice piemontese, nell’immediato secondo dopoguerra, a rappresentare una raffigurazione della storia d’Italia più problematica di quella esposta nei libri ufficiali . Mi riferisco ad un testo aureo che credo Lei abbia ben presente : L’Alfiere di Carlo Alianello.

Dissi ad Angelo, durante un Convegno a Napoli organizzato da Pietro Golia, che io avrei evitato, nel libro – Manna era un brillante giornalista e polemista, non uno storico – quel “populismo” meridionalista, tipo “compra Sud” e quella contrapposizione tra “terroni” e “polentoni” (che oggi, fastidiosa si ritrova in molti libri dilettanteschi come quello di un certo – omen nomen- Ciano), prediligendo i fatti…che erano incontrovertibili. Inoltre se ritenevo giusta la difesa degli Stati cristiani pre-unitari, ritenevo altresì sbagliato distruggere non tanto lo Stato italiano quanto l’identità nazionale, ossia, in concreto, la nazione cattolica sopravvissuta allo scempio risorgimentalista, in quanto – come scrive Massimo Viglione – “la più grande vittoria della vulgata risorgimentale, l’inganno per eccellenza (è) : il far credere che chi narra ciò che è stato occultato (le insorgenze, il settarismo utopista, la guerra alla Chiesa cattolica, i brogli elettorali dei plebisciti, le stragi dei “briganti”, il piemontesismo, il fiscalismo, l’emigrazione ecc) e di contro non celebra Mazzini e Cavour, Vittorio Emanuele II e Garibaldi, Napoleone e Gioberti, sia “antitaliano” o comunque contro l’unità nazionale. O magari studioso poco serio…non (si) può non vedere come la vittoria del Savoia e del partito piemontese, grazie al geniale Ministro (il lugubre Cavour al servizio della Massoneria inglese n.p.c.) che tutto e tutti mosse, non fu la vittoria dell’Italia, e tanto meno degli italiani; fu solo la vittoria di una élite potente e prepotente che, con il pretesto dell’unificazione,(poiché tale fu, non unità) , gettò in realtà le basi storiche, politiche, ideologiche e sociali per la futura affermazione del totalitarismo e delle tragedie che il nostro popolo ha subito nel XX Secolo”.

Seppi solo dopo i funerali per la morte prematura dell’amico Angelo e appresi dal dr. Pietro Golia, Direttore delle Edizioni “Controcorrente” di Napoli, che l’Onorevole Angelo Manna avrebbe voluto rivedere e reimpostare, insieme a me, il suo libro, per ripubblicarlo con “Controcorrente”…Una prova di stima da parte di un grande “combattente” e di un amico carissimo che mi fa piacere sempre ricordare.

Dunque il così detto Risorgimento italiano fu, nella nostra penisola, quello che fu in Francia la sanguinaria Rivoluzione francese; i patrioti che si batterono in Italia, per la difesa degli stati preunitari e per il Trono e l’Altare, sono da paragonare ai vandeani che insorsero in armi (e furono sterminati) dai sanculotti tricolorati della Rivoluzione; non fu certo una guerra di popolo la Rivoluzione risorgimentalista (a differenza della Controrivoluzione lealista) ma, anzi, contro il popolo, insomma, per dirla con Augusto Del Noce “il così detto Risorgimento italiano fu solo un capitolo della storia dell’imperialismo inglese” e lo dimostra la “pulizia etnica” fatta nel Meridione d’Italia, durante questa sporca e vile aggressione che Cavour portò a termine grazie alla Gran Bretagna e alla Francia :

“Fu il principio del non intervento – scrive il professor Massimo de Leonardis – invocato e applicato più volte e sempre sostenuto dalla Gran Bretagna, a consentire la realizzazione del “risorgimento”. In base a tale principio un popolo aveva il diritto di ribellarsi al suo legittimo sovrano e di ricevere aiuti dall’estero,o addirittura uno Stato poteva inviare volontari ad attaccarne un altro senza dichiarazione di guerra (così avvenne l’impresa di Garibaldi nel 1860); il sovrano legittimo non aveva però il diritto di chiedere l’aiuto di un altro Principe…l’Italia non nacque per la forza delle proprie armi, per l’impulso della maggioranza del popolo, ma grazie alla protezione delle potenze rivoluzionarie straniere…” (Massimo de Leonardis, il quadro internazionale del “Risorgimento italiano”  in Atti del XXI Convegno della “Fedelissima” Civitella del Tronto)

Nell’ambiente della Tradizione, ormai – grazie anche al contributo di illustri storici come Massimo Viglione, Roberto de Mattei, Angela Pellicciari, Massimo de Leonardis, Gianni Oliva – si guarda con “occhio critico” questa pagina della nostra Storia ben sapendo che :

“Se è vero che patriota è chi difende la propria patria, prima dell’unificazione risorgimentale era perfettamente chiaro – scrive sempre Massimo Viglione – chi fossero i patrioti: erano coloro che combattevano per le proprie patrie, secolari e legittime, amate dalle popolazioni (insorgenti e “briganti”), mentre, per essere patrioti nel senso risorgimentale, bisogna accettare l’idea mazziniana e utopistica che la patria si situa nel mondo della volontà e non in quello reale della storia, della religione, della lingua, delle tradizioni.

Dopo ‘unificazione  tutto questo non è più così chiaro; infatti, tanto per addurre il più classico degli esempi, è evidente che, nell’ultima guerra civile italiana, sia i fascisti(che si presentavano come coloro che avevano portato a compimento il Risorgimento, specie dal punto di vista mazziniano) sia i partigiani (che si definivano, a loro volta, come gli eredi del Risorgimento, specie dal punto di vista garibaldino) si definivano patrioti,  andando gli uni con il capo del Governo e gli altri con il Capo dello Stato, e tutti lottando in nome dell’Italia (e tutti in realtà sottomessi a eserciti stranieri invasori) in una guerra civile – la Terza – devastante e mai veramente risolta nelle coscienze di molti, ancora oggi, dopo quasi settant’anni, carico cruento  di odio dell’Italia repubblicana. Ciò accadde per il semplice motivo che l’Italia nata dal Risorgimento non rispecchia la vera identità nazionale”.

Più chiari di così!

GALLERIA DI IMMAGINI

(clicca sulle immagini per ingrandirle)

IMG_0004

Francesco II di Borbone (1836 – 1894) Re delle Due Sicilie e la Regina Maria Sofia di Wittelsbach Baviera (1841 – 1925). I due giovani Sovrani combatterono valorosamente sugli spalti di Gaeta nella guerra civile durante l’assedio piemontese.

Così il poeta Ferdinando Russo immortala in  ‘O surdato ‘e Gaeta  i due Sovrani

.

Era ‘o Rre nuosto! franceschiello nuosto,

ca maie s’è alluntanato ‘a coppa ‘e mmura!

Nce aveva fatto ‘o callo e ‘o cuore tuosto,

e nun sapeva che vo’ di’ paura!

Signò, sentite ‘o servitore vuosto!

Nun ce vuleva, chella jettatura!

………………………………………………………..

E ‘a Riggina Signò!..Quant’era bella!

E che core teneva! E che maniere!

Mo na bona parola ‘a sentinella ,

mo na strignuta ‘e mana a l’artigliere…

Steva sempre cu nui!.. Muntava nsella

currenno e ncuraggianno , jurno e sere,

mo ccà, mo llà…v’ ‘o ggiurno nnanz’ ‘e sante!

Nn’èramo nnammurate tuttequante!

.

Cu chillo cappellino ‘a cacciatora,

vui qua’ Riggina! Chella era na Fata!

E t’era bunaùrio e t’era sora,

quanno cchiù scassiava ‘a cannunata !..

Era capace ‘e se fermà pe n’ora,

e dispenzava buglie ‘e ciuccolata…

Ire ferito? E t’asciuttava ‘a faccia…

Cadive muorto? Te teneva mbraccia

IMG_0006

Il Risorgimento, ovvero la grande opera della Massoneria. Garibaldi e Mazzini (squadra e compasso) insieme a Cavour e Garibaldi, aiutati dalle potenze rivoluzionarie internazionali, conquistarono il Regno del Sud, lo rapinarono e fecero una “pulizia etnica” di quelle popolazioni. Che avevano il torto di non volere essere annesse al Regno Sabaudo e Massonico, come ben evidenzia la Rivista Monsieur  dell’ottobre 2008.

IMG_0007

Mandanti e Giustizieri dell’aggressione massonica al Regno delle Due Sicilie.  Da sinistra (in senso orario) Camillo Benso Conte di Cavour (1806 – 1861); Vittorio Emanuele II (1820 – 1878 ); il lugubre Giuseppe Mazzini (1805 – 1872),quello che mandava  gli altri a “combattere”; Giuseppe Garibaldi (1807 – 1882) il “predone dei Due Mondi”.

IMG_0005

Mentre la Setta Massonica faceva circolare fotomontaggi con Pio IX con le insegne massoniche, gli stessi settari diffondevano fotomontaggi in cui si vede Maria Sofia ignuda o in pose oscene, mentre il quotidiano inglese Times addirittura inventa, per fare sensazione, l’episodio che la Regina, nei giardini del Quirinale avrebbe ucciso un gatto con la sua carabina.

Così commenta il giornale tradizionalista “L’Armonia” :

“Voi potete ammirare la sua (del ‘Times’) onestà, la sua pietà, la sua delicatezza…siamo certi che l’episodio del gatto è inventato di sana pianta, ma esso ci mostra cosa sia quel ‘Times’ che diceva a Cialdini di trattare i Napoletani come ‘lupi della foresta’, ed è oggi tutto viscere di compassione pel gatto del Quirinale(…) forse i nostri lettori s’immagineranno che la pietà del ‘Times’ sia stata ridestata dalle fucilazioni continue, dai tanti paesi rasi al suolo, dalle violenze contro il clero! Niente di tutto questo: trenta mila Napoletani abbruciati, altrettanti fucilati sono una bazzecola. Ma un gatto ucciso!..”

IMG_0011

A sinistra il Barone (massone) Bettinino Ricasoli (1809 – 1880) . Dopo la morte di Cavour diviene Primo Ministro. E’ lui il primo ad emanare una circolare con cui si “marchiano” con il titolo di “briganti” i patrioti meridionali. A destra Luigi Carlo Farini (1812 – 1866): vuole che nei confronti dei “briganti” si usino mezzi spicci (fucilazioni sul posto senza tante “carte e cartine”) per portare il Sud alla “normalizzazione”. Individuo senza morale o scrupoli si arricchì facendo saccheggiare (senza verbale, si capisce) il Palazzo del Duca di Modena…le “cantine” e i gioielli  e l’oro della gente che, poi, faceva fondere e vendeva. Per impinguare il suo “portafogli”.

soldati del re

La copertina dell’ultima ristampa del libro di Carlo Alianello : “Soldati del Re” ben riassume cosa fu per il Regno delle Due Sicilie il “cosìddetto Risorgimento”.

IMG_0003

Il Generale catalano  José Borjes , reduce dalla guerre spagnole carliste, rappresenta l’espressione più alta e pura del legittimismo , cioè di quella componente aristocratica della ribellione napoletana all’invasione liberalmassonica condotta dalle baionette e dai cannoni rigati dell’Esercito piemontese. Quando comprende che Carmine Donatelli Crocco (che fu un brigante nel vero senso del termine) faceva il doppio gioco si separò, con i rimanenti combattenti spagnoli e una diecina di italiani, da lui e dalla sua “Massa” e si ritirò verso lo Stato Pontificio dove pensava di riorganizzare i suoi uomini e riprendere, poi, la lotta. A poche ore di cammino dal confine pontificio Borjes e i suoi, rifugiatosi nella cascina Mastroddi, sono circondati e catturati. Tutti verranno fucilati sul posto e moriranno da soldati e da cristiani. Il Maggiore dei Bersaglieri Franchini non volle accettare da lui, in segno di resa, la spada e non gli concesse di comandare il plotone di esecuzione.

L’Amministrazione Comunale di Sante Marie, l’otto dicembre del 2003, ha fatto collocare una lapide che non lo definisce “capo di banda mercenaria” (come la precedente, fatta rimuovere) ma con il titolo che gli spetta, “Generale”. A pochi metri, una bandiera del Regno delle Due Sicilie sventola, a ricordare il sacrificio di Borjes e dei suoi ventidue fedeli soldati fucilati dagl’invasori piemontesi.

IMG_0009

Una foto ricordo da inviare a casa.Un prode bersagliere tricolorato esibisce fiero il suo trofeo: l’appena torturato e fucilato brigante ‘O Crapariello . Il “trofeo” viene tenuto per i capelli mentre le palpebre (dove sono stati inseriti degli stecchi acuminati) sono aperte.
IMG_0008
IMG_0012
I Bersaglieri eseguono diligentemente il loro lavoro. Così lo scrittore Pino Aprile in “Terroni” (Piemme) ha scoperto cos’è stato il Risorgimento italiano :
 
Io non sapevo che i piemontesi fecero al Sud quello che i nazisti fecero a Marzabotto. Ma tante volte, per anni.
E cancellarono per sempre molti paesi, in operazioni “anti-terrorismo”, come i marines in Iraq.
Non sapevo che, nelle rappresaglie, si concessero libertà di stupro sulle donne meridionali, come nei Balcani, durante il conflitto etnico; o come i marocchini delle truppe francesi, in Ciociaria, nell’invasione, da Sud, per redimere l’Italia dal fascismo (ogni volta che viene iberato il Mezzogiorno ci rimette qualcosa).
Ignoravo che, in nome dell’Unità nazionale, i fratelli d’Italia ebbero pure il diritto di saccheggio delle città meridionali, come i Lanzichenecchi a Roma.
E che praticarono la tortura, come i marines ad Abu Ghraib…
Non sapevo che in Parlamento, a Torino, un deputato ex garibaldino paragonò la ferocia e le stragi piemontesi al Sud a quelle di “Tamerlano, Gengis Khan e Attila”: Un altro preferì tacere “rivelazioni di cui l’Europa potrebbe inorridire”. E Garibaldi parlò di “cose da cloaca”.
Né che si incarcerarono i meridionali senza accusa, senza processo e senza condanna, come è accaduto con gl’islamici a Guantanamo…da noi centinaia di migliaia di briganti per definizione, perché meridionali. E se bambini briganti precoci…
Io credevo che i briganti fossero proprio briganti , non anche ex soldati borbonici  e patrioti alla guerriglia per difende il proprio Paese invaso.
Non sapevo che il paesaggio del Sud divenne come quello del Kosovo , con fucilazioni in massa, fosse comuni, paesi che bruciavano sulle colline  e colonne di decine di migliaia di profughi in marcia.
Non volevo credere che i primi campi di concentramento e sterminio in Europa li istituirono gl’italiani del Nord , per tormentare e farvi morire gl’italiani del Sud, a migliaia, forse a decine di migliaia, (non si sa perché li squagliavano nella calce) , come nell’Unione Sovietica di Stalin.
Ignoravo che il Ministero degli Esteri dell’Italia unita cercò per anni una “landa desolata” in Patagonia, Borneo e altri sperduti lidi , per depositarvi i meridionali e annientarli lontano dagli occhi indiscreti.
Né sapevo che i fratelli d’Italia arrivati dal Nord svuotarono le ricche banche meridionali,regge, musei, case private (rubando persino le posate), per pagare i debiti del Piemonte e costruire immensi patrimoni privati.
E mai avrei immaginato che i Mille fossero quasi tutti avanzi di galera.
Non sapevo che, a Italia così unificata, imposero una tassa aggiuntiva ai meridionali, per pagare le spese della guerra di conquista del Sud, fatta senza nemmeno dichiararla.
Ignoravo che l’occupazione del Regno delle Due Sicilie fosse stata decisa, progettata, protetta da Inghilterra e Francia, e parzialmente finanziata dalla Massoneria (detto da Garibaldi, sino al Gran Maestro Armano Corono, nel 1988).
Né sapevo che il Regno delle Due Sicilie fosse, fino al momento dell’aggressione, uno dei paesi più industrializzati del mondo (terzo, dopo Inghilterra e Francia, prima di essere invaso).
……………………………………………………………………………………………………………………………..
Come potevo immaginare che stessimo così male, nell’inferno dei Borbone, che per obbligarci a entrare nel paradiso portatoci dai piemontesi ci vollero orribili rappresaglie, stragi, una dozzina di anni di combattimenti, leggi speciali, stati d’assedio, lager? E che, quando riuscirono a farci smettere di preferire la morte al paradiso, scegliemmo piuttosto di emigrare a milioni (e non era mai successo)? 
IMG_0001
Infine una preghiera per Re Francesco (Dio guardi) e per la Regina Sofia. Un pensiero a tutti quei combattenti che in nome del Trono e dell’Altare difesero la loro cara Patria, il Regno delle Due Sicilie
(clicca qui per ascoltare l’inno dei “briganti” partigiani di Re Francesco)
 
Share →

7 Responses to MEMORIAE TRADERE. Briganti furono loro  –  di Pucci Cipriani

  1. Patrizia ha detto:

    Quante generazioni hanno sprecato tempo sui libri a bersi e a sudare per imparare menzogne. E immagino che questo sia solo un esempio.Poveri italiani.

  2. Silente ha detto:

    Anche stavolta, Pucci Cipriani ci ha donato una preziosa, documentata e appassionata testimonianza. Grazie.
    Non conoscevo l’episodio che coinvolse l’on. Manna. E pensare che sia Silvio Vitale, sia Pino Tosca, sia molti altri tradizionalisti “antirisorgimentalisti” del nord e del sud militarono nel M.S.I. e, in particolare, nella corrente “rautiana”. “Si parva licet”, anche il sottoscritto. Anche perché, come Pucci Cipriani ha ben affermato, Pino Rauti era ben sensibile a queste tematiche e non ne era affatto ostile. Mi ricordo che al primo “Campo Hobbit”, ispirato dai “rautiani”, nel beneventano, furono almeno due i gruppi musicali “meridionalisti” che cantarono canzoni dei, o dedicate ai, cosiddetti “briganti”. E il quindicinale “Linea”, organo ufficioso della corrente di Rauti, era molto attento al tema. I libri dell’Alianello, “L’alfiere” e la “La conquista del Sud”, furono veri “livre de chevet” della mia generazione militante in quella parte politica. Poi vennero (ma molto dopo) gli storici e i ricercatori più strutturati che illustrarono sia le “insorgenze” antinapoleoniche che quelle “antiunitarie”. Tra i primi, proprio Isabella Rauti, la figlia di Pino. E poi Viglione, Agnoli, Pellicciari, Beggiato, Oneto e molti altri, tutti cattolici e spesso con sensibilità tradizionaliste. Del nord e del sud.
    Grazie ancora a Pucci Cipriani.
    P.S. A proposito, era stato annunciato che la bella rivista “Controrivoluzione” avrebbe ripreso le pubblicazioni. A quando il lieto evento? E i vecchi abbonati, come il sottoscritto, riceveranno comunicazioni su come rinnovare l’abbonamento?

  3. Feder ha detto:

    La frase del grande Augusto Del Noce palesa l’essenza del Risorgimento: un obbiettivo nato nelle logge per allargare il potere della perfida Albione e garantirsi il controllo del ‘british lake’, il Mediterraneo. La Storia dovrebbe insegnarci che la perfida Albione ha sempre mirato alla frustrazione dell’Italia e del papato. Quello che il Risorgimento ha ordito si manifestò anche attraverso la nascita del Fascismo; Mussolini non poteva mai ottenere, alla luce del consenso scarso, la legittimazione di un governo senza l’appoggio del Re e dell’Inghilterra, cosa che pagherà a caro prezzo in seguito. E non ha un sapore squisitamente risorgimentale un personaggio come Badoglio, responsabile di Caporetto e della disfatta italiana nel secondo conflitto mondiale? Mi chiedo come possa oggi ottenere tanta considerazione un personaggio come Mazzini, satanista convinto, personaggio squallido e manipolatore politico.

  4. Claudio ha detto:

    Grazie infinite! Questa è la vera storia che non hanno il coraggio di raccontarci. Eh si, perché altrimenti molti vorrebbero togliere i nomi di quei loschi personaggi dalle nostre vie e piazze!

  5. Giorgio Rapanelli ha detto:

    Bello, bellissimo! L’Italia conquistata non deve nulla ai Savoia, che poi ci hanno regalato Mussolini. Ai Savoia che scapparono lasciandoci in mano ai Tedeschi, facendo così iniziare la guerra fratricida. Rimasi commosso quando molti anni fa visitai Civitella del Tronto. Il forte era rimasto con le rovine dei bombardamenti piemontesi. Potevi girare tra le macerie e sugli spalti e “rivedere” le vicende descritte nelle cronache. Adesso è stato restaurato. Ha perso, però, la “freschezza” di quella eroica Resistenza.
    “Per liquidare i popoli si comincia con il privarli della memoria. Si distruggono i loro libri, li si fornisce di un’altra cultura, Si inventa per loro un’altra storia. Dopo di che il popolo incomincia lentamente a dimenticare quello che è stato. E il mondo attorno lo dimentica ancor più in fretta”.
    (Milan Kundera)
    E’ ciò che stanno cercando di fare oggi. Sta crollando la Civiltà Occidentale, dagli Stati Uniti, all’America del Sud, all’Europa. Perché vogliono che si così. Vogliono…

  6. Giorgio Rapanelli ha detto:

    … cancellare la nostra Storia, la nostra Tradizione, la nostra Religione, facendoci invadere da Musulmani e Africani, per creare un miscuglio di razze, secondo i dettati di Richard Kalergi. Indifferenti dei disastri che stanno procurando oggi e che aumenteranno di intensità domani. Non c’è più Paolo V, con Lepanto. Non c’è più Marco d’Aviano a fermarli sotto Vienna. Non c’è ancora un Pio XII, che ci fermò (noi comunisti) con un “esercito all’altare”. C’è il riverito e applaudito dal popolo bove, il Bergoglio, che sarà accolto da Obama con un codazzo di trans, così ho letto sulla stampa. E che dirà il Bergolio? Che Dio è sempre e comunque misericordioso, senza chiedere il pentimento e la conversione, facendo rivoltare San Paolo nella tomba e gioire Satana, ormai operante sul pianeta.
    Noi, intanto, oltre alla denuncia costante e appassionata su alcuni fogli dogmatici, in pratica ci stiamo organizzando? Chiediamo pure allo Spirito Santo guida e illuminazione. Ma concretamente, in basso, che facciamo? In Parlamento, nelle Istituzioni e nella piazza? Che facciamo nelle chiese e dai pulpiti?

  7. massimiliano ha detto:

    Grande Pucci…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili

MEMORIAE TRADERE. Briganti furono loro  –  di Pucci Cipriani