“Supponiamo per un istante che la religione cattolica sia spenta da secoli, che le tradizioni del suo culto siano perdute” recitava l’incipit di un articolo firmato da Marcel Proust per “Le Figaro” del 16 agosto 1904. Si intitolava “La morte delle cattedrali” quello scritto inquietante e sublime che opponeva le ragioni dell’anima agli effetti della legge di separazione della chiesa dallo stato francese: abolizione dei luoghi di culto, inventario e confisca dei beni della chiesa, “polizia dei culti” e quanto altro la laicità è in grado di concepire prima ancora di partorire il laicismo. San Pio X ordinò all’episcopato di Francia di lasciarsi spogliare serbando in povertà assoluta il mandato pastorale, la fede e la sua trasmissione.

A rischio di apparire algido, intellettuale e privo di umana empatia, devo confessare che ho pensato solo all’articolo di Proust mentre guardavo bruciare la cattedrale di Notre-Dame a Parigi. “Supponiamo per un istante che la religione cattolica sia spenta da secoli, che le tradizioni del suo culto siano perdute”: poco più di cento anni dopo, non dobbiamo più supporlo, ma constatarlo. L’iperbolico espediente letterario nella sfida proustiana alla barbarie della laicità è divenuto il burocratico certificato dell’opera ancora più barbara di una chiesa che ha smesso di credere in Cristo affinché la vecchia religione “sia spenta” e “le tradizioni del suo culto siano perdute”.

In chi e in cosa credono le facce attonite che passavano sugli schermi e campeggiano sulle prime pagine di tutti i giornali? Cosa andavano ad adorare, se mai sono state educati farlo, quando entravano nel sacro recinto delle mura di Notre-Dame? Quante volte hanno assistito e acconsentito alla profanazione del tempio partecipando a culti e riti che nulla avevano di pur vagamente cristiano? Notre-Dame, quella vera, quella della fede in Gesù Cristo, dura più delle magnifiche pietre gotiche e stretta più degli angusti archi rivolti al Cielo, non è forse già bruciata da tempo nei cuori di tutti quei cattolici che l’hanno dissacrata riducendola a una stamberga della neochiesa? Non è forse già abbattuta nei cuori dei pastori di anime morte che vi hanno fatto entrare i lupi assetati del sangue delle pecore?

Supponiamo per un istante che la religione cattolica sia spenta da secoli, che le tradizioni del suo culto siano perdute”. Non lo supponiamo più, oggi, lo sappiamo. L’abbiamo davanti agli occhi ed è proprio questo che ci addolora, più delle fiamme che si sono alzate nel cielo ateo di Parigi, che accoglie ugualmente sorprese dalla morte durante le sconcezze del Bataclan e santifica i bestemmiatori di “Charlie Hebdo” con la benedizione di chi avrebbe dovuto preservare la fede dentro Notre-Dame e invece l’ha barattata per un amplesso con il mondo. “Notre-Dame è il luogo dei cristiani, ma anche di chi cristiano non è” si sono affrettati a dire i pastori di anime morte, facendo il verso alle anime morte della laicità. Perché tutto è uguale, la santità e il peccato, la salvezza e la dannazione, Cristo e l’Anticristo.

È questa Grande Indifferenza la nuova divinità celebrata dentro alle vecchie cattedrali, che sono già morte perché, come scrive Proust, possono vivere solo della fede di chi le ha costruite e di chi continua ad abitarle. “Supponiamo quindi che un giorno alcuni eruditi suffragati da documenti arrivino a ricostruire le cerimonie che vi si celebravano un tempo, per le quali erano state costruite, che erano precisamente il loro significato e la loro vita, senza le quali esse non erano ormai più che lettera morta; e supponiamo allora che alcuni artisti, sedotti dal sogno di restituire momentaneamente la vita a quei grandi vascelli divenuti silenziosi, vogliano rifarne per un’ora il teatro del dramma misterioso che vi si svolgeva, al centro di canti e profumi. (…) Eppure, non ci si può impedire di esclamare: Ahimè, quanto più belle dovevano essere queste feste, al tempo in cui erano dei sacerdoti a celebrare l’uffizio e non per dare a dei letterati un’idea di quelle cerimonie, ma perché avevano nella loro virtù la stessa fede degli artisti che scolpirono il giudizio universale nel timpano del portico o dipinsero le vite dei santi sulle vetrate dell’abside. Come l’opera tutta intera doveva parlar più alto, più giusto, quando tutto un popolo rispondeva alla voce del sacerdote, piegava i ginocchi al campanello dell’elevazione, non, come in queste rappresentazioni retrospettive, al modo di freddi figuranti stilizzati ma perché anche loro, come il sacerdote, come lo scultore, credevano“.

E, invece, non ci credono più, non i fedeli e meno ancora i loro pastori. E le cattedrali muoiono perché non è più vero quanto Proust poteva ancora scrivere al principio del secolo scorso: “Si può dire che, grazie alla persistenza nella Chiesa cattolica degli identici riti e, d’altro canto, della fiducia cattolica nel cuore dei francesi, le cattedrali non siano soltanto i più begli ornamenti della nostra arte ma i soli che vivano ancora la loro vita integrale, che siano rimasti in rapporto con lo scopo per il quale furono edificati”.

Ai nostri giorni, le chiese hanno visto ben di peggio del fuoco che brucia le travi, cola le vetrate, cancella i dipinti, abbatte le guglie. Sono state dissacrate dai riti di una fede invertita, celebrati con il consenso di chi poi ne piange la distruzione in diretta tv. “Ebbene”scrive ancora Proust “meglio devastare una chiesa che dissacrarla. Finché vi si celebra la Messa, una chiesa, per mutilata che sia essa conserva ancora la sua vita. Dal giorno in cui viene dissacrata è morta, e se anche sia protetta come monumento storico di celebrazioni scandalose, non è più che un museo. Si può dire alle chiese ciò che Gesù diceva ai suoi discepoli: Se non continuerete a mangiare la carne del Figlio dell’Uomo, e a bere il suo sangue, non vi è più vita in voi (San Giovanni, VI, 55). Quelle parole misteriose e così profonde del Salvatore fatte, in questa nuova accezione, assioma d’estetica e di architettura. Quando il sacrificio della carne e del sangue del Cristo, il sacrificio della Messa, non sarà più celebrato nelle chiese, non vi sarà in esse più vita. La liturgia cattolica è una cosa sola con l’architettura e la scultura delle nostre cattedrali, poiché le une e le altre hanno radice in un unico simbolismo.  (…)

Dicevamo poco fa che in una cattedrale quasi tutte le immagini sono simboliche. Alcune non lo sono. Sono le immagini dipinte o scolpite di coloro che avendo contribuito con i loro denari alla decorazione della cattedrale, vollero serbarvi per sempre un posto, onde potere, dalla balaustra della nicchia o dallo sguancio della vetrata, seguire silenziosamente gli uffizi e partecipare senza rumore alle preghiere, in saecula saeculorum. (…) Essi entravano in chiesa, vi prendevano il loro posto che serbavano anche dopo la morte e dal quale potevano continuare, come nel tempo della loro vita, a seguire il divino sacrificio, sia che affacciati fuor del sepolcro di marmo volgano leggermente la testa dal lato del Vangelo o dal lato dell’Epistola, in grado di percepire, come a Brou, e sentire attorno ai loro nomi lo stretto e infaticabile allacciarsi dei fiori emblematici e delle iniziali venerate, serbando a volte fin nella tomba, come a Digione, i colori splendenti della vita, sia che in fondo alla vetrata, nei loro manti di porpora o d’oltre mare o d’azzurro che imprigiona il sole infiammandosene, riempiano di colori i suoi raggi trasparenti e bruscamente li sciolgano multicolori, erranti senza meta per la navata che tingono”.

Ma nelle cattedrali non c’è più posto per i vivi che vogliono morire nell’abbraccio di Cristo e per i morti che già vivono di quella tenerezza. Per questo, dopo cinque minuti di fiamme, di facce che non riuscivo capire e di celebrazioni della laicità di un simbolo cristiano, ho spento il televisore e sono andato a rileggermi Proust. E ho pensato a quanto sia lontano e dimenticato il monito di San Pio X all’episcopato di Francia e a quello di tutto il mondo e di tutti i tempi: lasciarsi spogliare serbando in povertà assoluta il mandato pastorale, la fede e la sua trasmissione.

Share →

20 Responses to Notre-Dame brucia. Ma le cattedrali sono già morte – Trenta righe di Alessandro Gnocchi

  1. Livia Rinaldi ha detto:

    Tutto vero, purtroppo, dalla prima all’ultima parola. Grazie per avercelo ricordato

  2. Francesco ha detto:

    Splendido

  3. Vincenzo ha detto:

    L’emozione procurata dalla vista di tanti giovani inginocchiati in preghiera supera ampiamente quella per il dolore della sciagura: se effettivamente questo triste evento dovesse riaccendere la fede in Francia, ben vengano anche altre fiammate che concernono comunque cose “caduche” mentre la fede apre all’eterno.

  4. Gemens&flens ha detto:

    Vincenzo Paglia interpellato prima telefonicamente e poi di persona nel tg RAI, ha detto ciò che volevano dicesse: una laicità mascherata, fra una virgola e l’altra, da un vago senso religioso e da un raro accenno al cristianesimo su cui è sorta la civiltà europea. Lo stesso fa il presidente del Consiglio che seppur parlando di lutto, non si eleva neanche di un palmo. Mi danno tutti la nausea e credo che sia inutile sentire altro. Spengo anch’io, senza avere però fra le mani un grande Proust su cui riflettere.

    • Oswald Penguin Cobblepot ha detto:

      Mi creda, G&F: mons. paglia è riuscito a dire di ben peggio. Oggi, alle h. 07,05, intervistato dal GR1 ha avuto il coraggio di dichiarare che la laicità e la fede sono due facce della stessa medaglia. Ma d’altronde non si si può pretendere molto da chi ha proclamato Pannella “uomo di grande spiritualità”! Non ci rimane che piangere con le lacrime di Geremia: “dispersi sunt lapides Sanctuarii in capite omnium platearum!” (“Sono state disperse le pietre preziose che ornavano il Santuario, e gettate in mezzo alle piazze!). LJC ed un saluto da Gotham, il Pinguino.

  5. Annalisa B. ha detto:

    GRAZIE! Ma anche senza le cattedrali, anche con un solo sacerdote che resti fedele, Cristo sarà con noi fino alla fine del mondo! Questa è la Promessa, e questa ci basti per continuare a sperare, anche mentre le cattedrali bruciano e l’apostasia dilaga. “…è necessario che tutto questo avvenga, ……Ma chi persevererà sino alla fine, sarà salvato.”
    Chiediamo a Nostra Signora di ottenerci la Grazia di perseverare fino alla (nostra) fine. Il resto non conta.

  6. franco ha detto:

    Sarà un caso che quattro giorni fa hanno deciso a Parigi di costruire una grande moschea che ospitera 3000 persone… Mah…

  7. Lucis ha detto:

    Il fuoco ha salvato la cattedrale dalla dissacrazione, e il fuoco ha riacceso nei parigini, per un breve momento la nostalgia di quel sacro a cuo non sonp più avvezzi. Questo ho avverito in quelle Ave Maria cantate in ginocchio davanti alla cattedrale in fiamme.

  8. innominato ha detto:

    Duemila e passa anni fa un Uomo proprio in questi giorni,precisamente di venerdì,veniva condotto a morte su un altura chiamata Golgota,o luogo del cranio:la sua agonia durò fino alle tre del pomeriggio,quando dopo un gran grido,spirò.I fatti raccontano di un grande terremoto,sconvolgimenti naturali,fenomeni che indussero il capo delle guardie deputate alla sua esecuzione ad affermare:Veramente Costui era Figlio di Dio.Il fatto più eclatante si verificò nella città di Gerusalemme,dove il velo del Tempio,luogo di culto e dimora dell’Arca dell’Alleanza,si squarciò:Lo Spirito Del Signore abbandonò per sempre un popolo che Lo aveva rifiutato
    Oggi il tetto della chiesa di Notre- Dame di Parigi brucia e questa cattedrale si ritrova scoperchiata e devastata come il Tempio di Gerusalemme di 2000 anni fa:anche oggi come allora gli uomini rifiutano Cristo come L’unico Salvatore e Cristo,dopo essere stato relegato in qualche angolo nascosto,SPONTANEAMENTE abbandona queste strutture ormai inutili e le lascia al tragico destino del tempio di Gerusalemme.E le Chiese post cristiane bruciano!

  9. Marco Boggia ha detto:

    Vertiginoso questo testo di Proust sulle cattedrali. Grazie dott. Gnocchi.

  10. Giovanni ha detto:

    Il falco ghermisce la colomba liberata da Benedetto XVI, il fulmine colpisce S. Pietro quando Benedetto XVI se ne allontana, il fuoco scoperchia la grande cattedrale dell’ex figlia prediletta della Chiesa. Ed ogni volta il mondo si burla di Dio parlando di casualità o di imperizia umana. L’Europa muore e nessuno pensa alla negazione delle sue origini giudaico cristiane. Tutti pensano all’Euro e nessuno ricorda cos’è il denaro. L’uomo senza Dio è un animale. Nulla può da solo, se non decretare la propria rovina.

  11. Antonio Bev ha detto:

    L’ altare,del rito di Paolo Vl, è bruciato,L ‘Altare della VERA MESSA è ancora intatto. Non sarà un segno? Bellissimo articolo! Grazie Alessandro.

    • Tonietta ha detto:

      Certo che è un segno, come è un segno che siano state preservate in tempo le statue degli apostoli e degli Evangelisti. Cioè si è salvato quello che non può morire: la passione di Cristo per la nostra redenzione e i capisaldi della nostra fede.

  12. Werner ha detto:

    Cosa ci scommettiamo che lo Stato laicista francese, in nome dell’indifferentismo religioso che non riconosce le radici cristiane del Paese e che mette sullo stesso piano tutti i culti religiosi, essendo proprietario di Notre Dame e tutte le chiese francesi dal 1905, non trasformerà la cattedrale parigina in un luogo di culto ecumenico e multiconfessionale?

  13. Albert ha detto:

    Non abbiate paura! Cristo ha ricostruito il tempio in 3 giorni e lo ha gelosamente affidato alle anime desiderose di accoglierLo e di custodirlo. Chi ci separerà, forse la spada, forse il fuoco?
    Uno dei millanta commentatori televisivi ha detto che dal 1905 la cattedrale non è più della chiesa, ma dello stato, ma si è ben guardato dalll’approfondire il perchè. Diffidiamo sempre di quanto stampa e televisione ci propinano: internet può essere terreno fertile per il demonio, ma se intelligentemente usato, ci può dare le risposte che il potere ci nasconde. Occorre approfondire, sempre.

  14. Ivan ha detto:

    In mezzo a tutta questa desolazione, frutto della miopia cosciente e massonica la ge te si ferma spontaneamente a pregare sgranando il Rosario. Sicuro transeat gloria mundi, ma dai legni ancora fumanti della cattedrale, il Legno della Croce, vessillo di Vittoria si leverà ancora. PERSEVERIAMO NELLA PREGHIERA E NELLA LPTTA, FRATELLI

  15. Leo ha detto:

    Macron ha promesso che Notre Dame verrà ricostruita inserendovi ” qualche gesto di architettura moderna ” . Immaginabile a quale modernità faccia riferimento il nuovo Nerone -Petrolini della Francia multiculti . Stavolta Paglia si ” becca ” una vetrata .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili

Notre-Dame brucia. Ma le cattedrali sono già morte – Trenta righe di Alessandro Gnocchi