pastedGraphic.png

La genetica naturale (tocca chiamarla così, oggi, come la famiglia che è divenuta “famiglia naturale”) ci ha regalato in passato – l’eventualità nel presente si previene con un bell’aborto “terapeutico” – tonitruanti casi di gemelline siamesi; l’era della genetica artificiale si apre sotto il segno delle “gemelle” cinesi, prodotti di laboratorio pensati e realizzati per resistere al virus dell’HIV.

O almeno, questa è la notizia schizzata qualche settimana fa su tutti i media e, a prescindere dalla sua dose di corrispondenza al vero, costituisce di per se stessa un passo fondamentale nel catechismo transumanista del vangelo secondo Overton.

“Gemelle” va messo di necessità tra virgolette perché di certo non si tratta di creature omozigote, e non è da escludere che neanche siano eterozigote: grazie alle meraviglie della tecnica nel campo della fecondazione artificiale, potrebbero derivare dall’assemblaggio di patrimoni genetici completamente diversi, avere madri e padri differenti, o persino tre genitori con tre distinti DNA (cioè possedere i mitocondri di un donatore terzo) al caritatevole, cristianissimo grido umanitario di «mai più Charlie!», «mai più Alfie!». Perché – ricordiamolo ancora – i due sacrifici umani trasmessi uno dietro l’altro in mondovisione, a questo dovevano servire, a far digerire il disegno riprogenetico secondo cui «artificiale è meglio!»: consente infatti di programmare i dettagli, eliminare i difetti, scegliere i connotati del nascituro. 

Nella perfida Albione il triplo DNA è già autorizzato dalla legge, la stessa legge che impone di strappare un bambino malato dalle braccia dei suoi genitori e di ammazzarlo in ospedale nel suo migliore interesse.

pastedGraphic_1.png

Anche l’Arcangelo Gabriele si inchina dinanzi a Cristo Concepito, embrione di Dio

MANOMISSIONE DELL’ALBERO DELLA VITA Sta di fatto che c’è grande apprensione per le “gemelle” CRISPR, tutti a strillare, genetisti frankenstein inclusi (invidia?). Non parliamo poi della demenza “cattolica” generalizzata: il bravo “cattolico” si straccia le vesti per l’incerto “benessere” delle fanciulle (saranno felici? godranno di una soddisfacente qualità della vita?), ma non spende una parola – una – per la bestialità della procedura messa in atto, né per le diecine (centinaia?) di embrioni manipolati, usati, scartati, disintegrati, distrutti in cambio delle bambine sintetiche. Come da proverbio cinese, se gli indichi la luna, l’idiota guarda il dito.

Facciamo due conti? Con la FIVET (fecondazione in vitro) tradizionale, ovvero con i classici alambicchi permessi e promossi in Italia dalla legge “cattolica” 40/2004, si stimano 20 embrioni sacrificati a fronte di un bimbo in braccio. Ma, visto che qui la tecnica è quella, non ancora rodatissima, del CRISPR-Cas9, il numero di morti è sicuramente superiore alla quarantina canonica.

Il CRISP-Cas9 – da tempo ne parliamo – è il procedimento con cui si taglia il DNA, si sostituiscono dei geni (i geni bersaglio) della catena genetica e poi la si ricuce: un’esercitazione di taglio e cucito molecolare per il sollazzo degli stregoni biotecnologici, ma dalle conseguenze tanto imprevedibili quanto devastanti. Siamo di fronte, materialmente, alla manomissione dell’albero della vita e all’oltraggio alla legge della creazione.

Dio stesso si è fatto embrione nel grembo della Vergine Maria – Et incarnatus est – ed è esattamente quello del Suo concepimento il momento in cui, recitando il Credo, i fedeli si sono sempre inginocchiati in gesto di somma adorazione, prima che la parodia della messa nuova abolisse, et pour cause, la consuetudine millenaria di preghiera all’embrione di Dio.