Per gentile consessione dell’autore: https://www.aldomariavalli.it/2018/11/26/uomini-giusti-ai-posti-giusti/

Buongiorno cari amici, e benvenuti alla rubrica “L’uomo giusto al posto giusto”.

Incominciamo con il Comitato organizzatore dell’incontro che si terrà il prossimo febbraio in Vaticano su “La protezione dei minori nella Chiesa”. Come avrete saputo, mentre nel comitato non c’è il cardinale Sean Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston e presidente della Pontificia commissione per la tutela dei minori, c’è il cardinale Blase J. Cupich, arcivescovo di Chicago.

Poiché è noto che la sua nomina a Chicago è stata sponsorizzata dal cardinale Maradiaga e dall’ex cardinale Theodore McCarrick, molestatore seriale di seminaristi e abusatore di ragazzi, l’arcivescovo Cupich risulta davvero l’uomo giusto al posto giusto!

Inoltre, la Catholic News Agency ha riferito che lo stesso Cupich, insieme all’ex arcivescovo di Washington Wuerl, successore di McCarrick, ha lavorato al piano alternativo a quello anti-abusi elaborato dai vescovi Usa e bloccato da un intervento vaticano dell’ultima ora poco prima dell’assemblea dei vescovi degli Stati Uniti. Un’altra circostanza che ne fa l’uomo giusto al posto giusto!

Ma non basta. Come si ricorderà, tempo fa Cupich dichiarò che il papa ha cose più importanti degli abusi di cui occuparsi, come il problema del clima o l’immigrazione.

Invece O’Malley, che in passato prese le distanze dalla linea di Bergoglio circa la gestione della crisi degli abusi in Cile, evidentemente sarebbe stato davvero l’uomo sbagliato al posto sbagliato.

Ed eccoci al secondo uomo giusto al posto giusto.

Si tratta del generale dei gesuiti, padre Augusto Sosa, eletto presidente dei superiori generali di tutti gli ordini religiosi.

L’elezione, avvenuta durante i lavori della novantunesima assemblea dell’Usg, Unione superiori generali, che si è tenuta presso la Casa Divin Maestro di Ariccia sul tema “Giovani, fede e discernimento”, non può che rallegrare.

Ricorderete infatti che padre Arturo Sosa Abascal tempo fa, interrogato a proposito della comunione ai divorziati risposati, si distinse per aver autorevolmente spiegato: “Intanto bisognerebbe incominciare una bella riflessione su che cosa ha detto veramente Gesù. A quel tempo nessuno aveva un registratore per inciderne le parole”. E quando poi gli si fece notare il passo evangelico di Matteo 19,3-6 (“Non divida l’uomo ciò che Dio ha congiunto”), Sosa autorevolmente rispose: “Io mi identifico con quello che dice papa Francesco. Non si mette in dubbio, si mette a discernimento”. Ecco perché i colleghi superiori devono aver automaticamente pensato: è lui l’uomo giusto al posto giusto!

Ma crediamo che la qualifica di uomo giusto al posto giusto spetti di diritto al padre Sosa anche per altre circostanze, come, per esempio, essersi fatto fotografare in preghiera in mezzo a monaci buddisti, aver detto che il diavolo in fondo non esiste e aver scritto sull’importanza della mediazione marxista della fede cristiana.

Ed ora il terzo uomo giusto al posto giusto.

In questo caso non ne conosciamo il nome, ma possiamo descrivere l’accaduto grazie al racconto che ci è stato fornito da un gentile amico.

Siamo in una chiesa in quel di Napoli ed ecco che alla fine della Santa Messa il prete, prima della benedizione, chiama all’altare un giovanotto che ha chiesto di poter ricordare un defunto.

L’uomo dunque va, prende la parola e ringrazia. Per che cosa? Per la possibilità di ricordare “suo marito”.

Ecco qui il nostro terzo uomo giusto al posto giusto! Al quale, volendo, potremmo aggiungere il signor reverendo celebrante, ma non sappiamo se, quando invitò il giovanotto per il ricordo, egli fosse al corrente dell’identità della persona che doveva essere ricordata.

Nella nostra rubrica, gentili amici, gli uomini giusti al posto giusto in genere non sono mai più di tre, ma oggi vogliamo fare un’eccezione.

Citiamo infatti anche sua eccellenza monsignor José Rodríguez Carballo, segretario della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, il quale pochi giorni fa, durante un incontro con le monache di clausura, si è rivolto loro con queste nobili espressioni: “Siete donne adulte! Trattate la vostra vita da adulte, non da adultere!”. E tutto questo per convincere le suddette monache di clausura ad aprirsi al mondo, a non aver paura dei cambiamenti imposti dal Vaticano e a non fare resistenza di fronte alla pretesa che i monasteri perdano la loro indipendenza e autonomia.

Crediamo che i motivi per cui monsignor Carballo è il nostro quarto uomo giusto al posto giusto siano del tutto evidenti: per la finezza del suo eloquio, per la delicatezza mostrata nei confronti delle claustrali, per la coerenza e la profondità delle sue argomentazioni.

Cari amici, per oggi ci fermiamo qui.

Arrivederci alla prossima puntata e non dimenticate di segnalarci le vostre proposte per “L’uomo giusto al posto giusto”!

Share →

10 Responses to Uomini giusti ai posti giusti – di Aldo Maria Valli

  1. Marco Boggia ha detto:

    Sì, meglio fermarsi qui, per oggi. Davvero ce n’è già abbastanza.

  2. jb Mirabile-caruso ha detto:

    Continuazione…

    bbruno: “[…] Questi qui [della FSSPX], da Lefebvre al Pagliarani
    …………d’oggi, non hanno capito che un cattolico non può
    …………avere divergenze dottrinali […] con la Santa Sede.
    …………Delle due l’una: o tu prendi fischi per fiaschi, quanto
    …………alla Santa Sede, o tu sei – irrimediabilmente – fuori
    …………dalla ortodossia cattolica. Tertium non datur”.

    Se l’uomo giusto, al posto giusto, al momento giusto, in seno alla FSSPX, non sono riusciti ad esserlo, nonostante il loro dedicato impegno, né l’Arcivescovo Lefebvre né il Vescovo Fellay, mi sembra di percepire che il nuovo Superiore Generale Don Davide Pagliarani possa presto diventarlo!

    P.S.: Le intere interazioni da trovarsi sul Sito di Radio Spada.

  3. Luciano Pranzetti ha detto:

    “L’eresìa arriverà al vertice della Chiesa e Roma sarà la sede dell’anticristo”. Così predisse al Vergine Maria a La Salette. Oggi, ad avverare la profezìa è arrivato l’uomo giusto – e i riscontri sono precisi – giunto dalla fine del mondo.

  4. Romolo ha detto:

    Abbiamo ancora dei dubbi sul fatto che esistono già due chiese ben distinte e separate?

    • Catholicus ha detto:

      No, caro Romolo, nessun dubbio, e non da adesso, ma da anni ormai. Per cui chi dice che siamo fuori dalla “chiesa” dice giusto, ma commette un’omissione non precisando che quella “chiesa” dalla quale noi cattolici saremmo fuori (quella di Bergoglio, e dei suoi predecessori, fino a Roncalli) non è e non era la Chiesa di Cristo, la Chiesa Cattolica, ma ne è solamente una contraffazione gnostica e massonica, attuata dai rivoluzionari modernisti per ingannare le anime e depistarle, spostandole dalla via stretta e tortuosa che conduce alle porte del Paradiso su quella larga, ampia e comoda che conduce invece a Portae Inferi !
      Che se la tengano, quindi, la loro “chiesa” il loro falso papa, i loro falsi gerarchi, ecc., non intendo assolutamente conformarmi ad essa e non li invidio certo, povere anime perdute !

  5. Cesare Baronio ha detto:

    Un altro uomo giusto al posto giusto è il vegliardo che Socci si ostina pervicacemente a considerare Papa. Il quale ha dichiarato recentemente (https://opportuneimportune.blogspot.com/2018/11/magis-est-credendum-mariae-veraci-quam.html) che la Chiesa non può e non deve cercar di convertire gli Ebrei, perché essi “credono nell’unico Dio” (salvo negare la Ss.ma Trinità e la divinità di Nostro Signore) e sono “portatori della parola di Dio” (di cui invece la Chiesa è unica depositaria e custode). Così il fine teologo si mostra come astuto don Rodrigo mentre il Griso fa il lavoro sporco a Santa Marta. Con buona pace dei conservatori che non mancano di rimpiangerlo.

    Anche il Griso, in verità, può entrare nell’elenco, quale biblico cinghiale nella vigna del Signore, precursore di quell’Anticristo cui spiana la strada, voce di uno che grida “Chi sono io per giudicare” e si tiene ben stretti al fianco i peggiori ribaldi della setta conciliare. Degni compari di quest’impresentabile.

  6. Oswald Penguin Cobblepot ha detto:

    L’aspetto terrificante di tutto questo consiste nell’osservare come molti fedeli laici ed ecclesiastici (ottime persone, peraltro), non vogliano vedere la realtà. Alcuni lo fanno certamente in buona fede, poichè è difficile inghiottire simili rospi. Altri lo fanno per ignoranza, poiché non si informano e “tanto tutto continua come prima”. Altri lo fanno con interesse, perchè in una Chiesa così malconcia possono prosperare carriere curiali (e poi è noto come le denunce sul malaffare morale, lo sbrago liturgico, il carnevale dottrinale etc. costano anni di penitenza). E così tutto sembra cambiare, ma tutto peggiora di giorno in giorno, senza che se ne veda la via d’uscita. LJC, da Gotham, il Pinguino.

  7. Catholicus ha detto:

    ….. e per chi non avesse ancora capito chi sia realmente l’uomo biancovestito che alloggia “a pensione completa” in quel di Santa Marta, può essere di aiuto leggere cosa ne pensa in proposito il Patriarca Cattolico Bizantino Elia, la cui dichiarazione sul signore in questione si può trovare qui : http://www.unavox.it/Documenti/Doc1197_Patriarca_Elia_Francesco_spirito_anticristo.html

  8. Ivan ha detto:

    Mio Signore e mio Dio….abbi misericordia di noi, dopo che ci avrai trattato con giustizia

  9. Liliana rizzini ha detto:

    Si, davvero per oggi basta. Ma perché don Minutella, che sta pagando di suo per denunce come queste, viene ignorato e non sostenuto, solo a gridare la Verità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili

Uomini giusti ai posti giusti – di Aldo Maria Valli