Giubileo, partono i lavori in vista dell’Anno Santo

Mancano meno di due anni all’apertura dell’Anno Santo, ma già iniziano i lavori in preparazione al Giubileo del 2025.

Il 2025 sarà l’anno del Giubileo, anno speciale di grazia in cui sarà possibile chiedere l’indulgenza plenaria per se stessi o per i defunti.

giubileo lavori
Via della Conciliazione – Canva – riscossacristiana.it

Stanno già iniziando i lavori preparatori che hanno preso l’avvio con una conferenza stampa di presentazione che si è tenuta all’Auditorium Conciliazione. Sono varie le questioni che sono oggetto di approfondimento, per lo più di ordine pratico e gestionale.

Saranno milioni i pellegrini che giungeranno da tutto il mondo a Roma nell’Anno Santo e in collaborazione con il Comune di Roma è stato presentato il progetto che vedrà la riqualificazione e la pedonalizzazione di Piazza Pia.

Verrà pedonalizzata anche via della Conciliazione fino a Castel Sant’Angelo. Il progetto è stato presentato dal sindaco di Roma Roberto Gualtieri, dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano, dall’amministratore delegato di Anas Aldo Isi con mons. Rino Fisichella Pro Prefetto del Dicastero per l’evangelizzazione.

Presenti anche gli assessori del Comune di Roma ai Lavori Pubblici, Ornella Segnalini, e alla Mobilità Eugenio Patanè.

La conferenza ha preso il titolo “Giubileo, partono i lavori” ed è stato illustrato il piano da 70 milioni di euro di fondi giubilari.

I lavori per il Giubileo: la grande piazza pedonale

Verrà creata una grande piazza pedonale che comprenderà l’aera che va da Castel Sant’Angelo attraversando via della Conciliazione per arrivare a Piazza San Pietro.

giubileo lavori
Piazza Pia – Canva – riscossacristiana.it

Ma non solo: l’intenzione è anche di ideare una sottovia che collegherà il sottopassaggio di Lungotevere in Sassia. Sarà Anas a realizzare i lavori che inizieranno entro la fine di agosto 2024 e si concluderanno entro l’8 dicembre dello stesso anno e godranno di una convenzione con Roma Capitale.

Mons. Rino Fisichella è anche il delegato pontificio per l’organizzazione del Giubileo 2025 e si è mostrato grato al Governo italiano per la collaborazione e la partecipazione nell’organizzazione dell’evento.

Ha auspicato che “il Giubileo possa diventare per Roma e per l’Italia un momento di grande accoglienza dei numerosi pellegrini che verranno“.

Roma diventerà una città ancor più bella, ha detto il prelato, considerando che la bellezza è come un freno dalla violenza e dal degrado. 

La bellezza inoltre favorisce la contemplazione e quindi la spiritualità. “La bellezza va contemplata e Roma ha bisogno di essere vissuta intensamente. Questo diventa anche esigenza di spiritualità. Il Giubileo è innanzitutto esigenza di spiritualità che desideriamo far vivere a tutti“, queste le parole di Fisichella.

Si tratta di un progetto unico che mira a rendere Roma più accogliente. Il lavoro su Piazza Pia è il più simbolico perchè unisce Roma a San Pietro.

Vogliamo passare dalla conciliazione all’abbraccio vero e proprio tra l’Italia e il Vaticano” ha affermato il sindaco della città capitolina.

giubileo lavori
Castel Sant’Angelo – Canva – riscossacristiana.it

È un progetto di importanza storica, urbanistica e architettonica. Mentre si pensa all’avvio dei lavori è importante approfondire cosa è effettivamente il Giubileo, a cosa serve, come si struttura, quale è il suo più profondo significato.

Impostazioni privacy