Il Vangelo secondo Luca

Come si compone il Vangelo di Luca e chi era questo che è il terzo evangelista dei quattro testi canonici.

Nell’Antico Testamento si trovano i quattro Vangeli canonici, quelli secondo Matteo, Marco, Luca e Giovanni. Il Vangelo di Luca è quindi il terzo dei Sinottici, insieme a quelli di Marco e Matteo e ripercorre la vita di Gesù come gli altri tre.

vangelo luca
San Luca – Canva – riscossacristiana.it

L’evangelista Luca sembra sia stato un medico, amico dell’apostolo Paolo, lo ha accompagnato durante i suoi viaggi nella sua attività di evangelizzazione.

Con atteggiamento da storiografo, ma anche giornalistico, Luca ha tratto documentazioni e testimonianze e ha composto il testo che porta il suo nome.

All’inizio dell’opera fa un prologo in cui illustra le motivazioni che lo hanno condotto a scrivere. Non è quindi un testo che si basa su un’esperienza diretta, come per gli altri evangelisti, ma frutto di un accurato lavoro di indagine e un’approfondita analisi dei dati raccolti. 

Il Vangelo di Luca è stato scritto dopo l’anno 70 d.C., che corrisponde alla data della distruzione di Gerusalemme da parte di Tito.

Si presuppone che lo abbia scritto fuori dalla Palestina, ma non ci sono certezze su questo punto.

La struttura dle Vangelo di Luca

Dopo la parte del prologo Luca passa a narrare gli avvenimenti che precedono la nascita di Gesù. Si parla della nascita miracolosa di Giovanni Battista, il precursore del Messia, e c’è ampio spazio alla narrazione dell’annuncio dell’Angelo Gabriele a Maria.

vangelo luca
Nuovo Testamento – Canva – riscossacristiana.it

Si prosegue con la nascita di Gesù, la presentazione al Tempio per il rito della circoncisione. Viene narrato l’episodio del ritrovamento di Gesù tra i dottori del Tempio all’età di 12 anni e all’interno di questi primi capitoli si trovano i cantici, il Magnificat, il Benedictus, e il Nunc dimittis, che rappresentano un unicum rispetto agli altri tre Vangeli.

Luca prosegue poi con il racconto della vita pubblica di Gesù. Prima la preparazione al suo ministero con il Battesimo nel Giordano e le tentazioni nel deserto.

Poi si trovano gli episodi relativi alla sua vita in Galilea in sinossi con gli altri Vangeli. Nella parte che segue il Vangelo di Luca si differenzia più nettamente da quelli di Matteo e Marco con una versione un po’ diversa del Padre Nostro, le parabole della misericordia e alcuni racconti.

Continua con l’ingresso trionfale a Gerusalemme, poi altre parabole e a seguire la narrazione della Passione. Come gli altri c’è il processo, la crocifissione, ma inserisce un racconto che non si trova in Matteo e Marco, quello del buon ladrone. 

Si conclude con la Resurrezione, le apparizioni di Gesù e l’ascensione al Cielo. Luca è anche l’autore degli Atti degli Apostoli con cui prosegue nella narrazione delle vicende che vedono coinvolta la primissima comunità cristiana.

Se il Vangelo di Marco è il più sintetico e quello di Matteo mira prevalentemente a presentare Gesù come il nuovo Mosè che porta a compimento la legge dei profeti, quello di Luca sottolinea che la Buona Novella giunge a tutti oltre i confini della Palestina.

vangelo luca
San Luca – Canva – riscossacristiana.it

In questo gli studiosi concordano nel ritenere che abbia un ruolo l’influenza della vicinanza con l’apostolo Paolo. È definito il “Vangelo della gioia” perché le parole gioia, giubilo, felicità, rallegrarsi, sono maggiormente presenti rispetto agli altri.

Impostazioni privacy